Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Peter Rabbit Recensione


Peter Rabbit Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il coraggioso Peter, le sue tre litigiose sorelline - Flopsy, Mopsy e Cotton Tail - e il tondo e fedele cugino Benjamin sono conigli; tutti nati dalla penna di Beatrix Potter nel 1902. L’aristocratica scrittrice, amante della natura e degli animali, pubblicò infatti in quell’anno The Tale of Peter Rabbit, vestendo con giacchette colorate i suoi animaletti e ambientando le loro avventure nella vasta tenuta di Lake District, proprietà che lei stessa aveva acquistato.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

In realtà i personaggi erano stati creati nove anni prima, per un bambino ammalato, il figlio dell'ex-governante di Beatrix, che aveva pensato di inviargli una lettera con la storia e i disegni, per aiutarlo a passare il tempo. Il film Peter Rabbit, diretto e in parte scritto da Will Gluck, mantiene nelle premesse l'originaria dolcezza della storia, che si rivolge a un pubblico infantile, da sempre propenso a fantasticare sul mondo animale, ma cambia completamente direzione, modernizzando il ritmo per dialogare anche con una fascia di età più alta.

Peter Rabbit risulta così uno scoppiettante e rocambolesco racconto, ironico e irriverente, che descrive i tentativi della famiglia di conigli di introdursi in un bellissimo giardino colmo di ortaggi, ma proprietà del malvagio Mr. McGregor, che brama pasticci di coniglio. Peter (James Corden nella voce originale, Nicola Savino nella versione italiana) non si arrende; dalla sua parte c'è la giovane pittrice Bea (Rose Byrne) che lo protegge e se ne prende cura. Ma quando un imprevisto si porta via il vecchio McGregor, ecco che arriva il nipote Thomas (animato da Domhnall Gleeson) che darà ai coniglietti ancora più filo da torcere. L'amore poi, complicherà ulteriormente tutto.

Will Gluck è un regista con alle spalle commedie per giovani adulti e ragazzi (Amici di letto, Annie - La felicità è contagiosa) e infonde in Peter Rabbit lo stesso sprint, trasformando i bucolici animaletti di fine secolo in creaturine scatenate. Il risultato è, tutto sommato, piacevole e grintoso.

Uno scoppiettante e rocambolesco racconto, ironico e irriverente.

La perdita di grazia e di incanto di quelle che erano, in origine, brevissime storie, non sarà apprezzata dai puristi ma si divertiranno i bambini, accompagnati da adulti che non sbadigliano. La colonna sonora (We not Speak Americano, Steal my Sunshine, Do Your Thing, ecc...) decisamente rock/pop, è in sintonia col ritmo della storia.

Il film, produzione americana della Columbia/Sony Pictures Animation è stato girato in tecnica mista, con attori che interagiscono con personaggi fotorealistici animati in CGI. Qualcosa di molto simile a Paddington 2: infatti a occuparsi del cast animale c'è l'Animal Logic, la stessa di Happy Feet e dei Lego Movie. Come ha fatto questo classico anglosassone per l'infanzia a sfuggire alla Disney? Facile: nel 1936 Walt Disney propose a Beatrix Potter un adattamento delle storie di Peter Rabbit in un lungometraggio animato, ma la scrittrice rifiutò di vendergli i diritti.

Non possiamo dire se Beatrix Potter, così gelosa delle sue creazioni, avrebbe apprezzato questa versione dei suoi coniglietti, ma i bambini di oggi hanno diverse aspettative rispetto a quelli di cento anni fa. E il loro sorriso vale bene qualche infedeltà.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo