Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

50 Primavere Recensione


50 Primavere Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Inutile negarlo: secondo un comune atteggiamento culturale esiste una specifica età nella vita di una donna a partire dalla quale essa è considerata sessualmente sempre meno attraente e in cui diventa più difficile trovare lavoro: insomma, un vero e proprio punto di partenza verso il declino. Così realizzare una commedia accattivante e brillante su una cinquantenne, per giunta sola e con due figlie, che perde il lavoro, non era impresa facile.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Invece la regista Blandine Lenoir, al suo secondo lungometraggio, ci è riuscita perfettamente.

50 Primavere è una commedia romantica, che affronta tabù e dona originali spunti di riflessione. Girata a La Rochelle, nella provincia francese, sull'Oceano, il film narra le vicissitudini di Aurore (Agnès Jaoui), una donna vera, sia per le forme – viste raramente al cinema– che per carattere, un misto di fragilità e forza che rendono autentico il suo personaggio. Il suo mondo è reale, fatto anche di discriminazioni sociali, debolezze, litigi e incomprensioni familiari, ma questa bella e fiera signora di mezza età, non si arrende mai e strizzata in gonne di pelle nera e golfini colorati, ci insegna che se ne può uscire lo stesso vincenti.

Blandine Lenoir aveva già affrontato argomenti del genere, insieme al legame fra le diverse generazioni, in Zouzou, il suo primo lungometraggio. Anche questa volta si focalizza più sui personaggi che sulla storia e la solidarietà femminile ne esce protagonista, in una carrellata di personaggi buffi, divertenti, sorprendenti: un'impiegata dell'ufficio di collocamento che non finisce mai le frasi; l'ottuagenaria ospite di una piccola casa di riposo reduce da un amore sensuale e travolgente; la migliore amica di Aurore, la spiritosa e indipendente Mano (Pascale Arbillot). Anche i rapporti generazionali madre-figlia sono affrontati con sensibilità ed umorismo, in particolare la sindrome del “nido vuoto”, il delicato momento in cui i figli, ormai adulti, vanno via di casa.

Nel film è stata inserita una vera intervista all'antropologa e etnologa femminista Françoise Héritier che spiega che fino a poco tempo fa, una volta sopraggiunta la menopausa, l'esistenza di una donna diventava di colpo vuota priva di significato, non essendo più il suo corpo utilizzabile per fare figli. Il discorso dell'emancipazione femminile da stereotipi e ruoli socialmente imposti, sta diventando sempre più rappresentato al cinema, spesso grazie alle registe donne, che sanno imporsi per accuratezza della narrazione, punti di vista mai scontati e una buona dose di ironia. Due esempi sono il film Bad Moms o la serieI love Dick.

Forse alla nostra protagonista non tutto va per il verso giusto, ma l'anima di Aurore non smette di sognare, desiderare, ascoltare musica, amare la vita.

Forse alla nostra protagonista non tutto va per il verso giusto, ma l'anima di Aurore non smette di sognare, desiderare, ascoltare musica, amare la vita. Secondo le parole della stessa regista, «non è l'innamoramento che la salva, è grazie al fatto che ritrova la sua dignità che è in grado di innamorarsi di nuovo».

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
70 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo