Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Vedere un canguro che scappa terrorizzato per le strade di una città e tigri, leoni, cammelli e altri animali che vi si aggirano più o meno indisturbati, potrebbe apparire surreale. O drammatico se la città in questione è la Varsavia del 1 settembre 1939, giorno in cui l’aviazione di Hitler bombardò la città polacca riducendola in macerie e dando l’avvio alla carneficina della Seconda guerra mondiale.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Gli animali provengono dal giardino zoologico cittadino diretto da Jan Žabinski (Johan Heldenbergh) e dalla moglie Antonina Žabinska (Jessica Chastain) che, al momento dell’aggressione tedesca della Polonia, conducono una vita serena accudendo con passione e amore i vari animali, molti dei quali, appunto, fuggiranno o moriranno durante i bombardamenti.

Tratto dal libro Gli ebrei dello zoo di Varsavia di Diane Ackerman, scritto sulla base dei diari redatti da Antonina Žabinska in tempo di guerra, La signora dello zoo di Varsavia della regista neozelandese Niki Caro (La ragazza delle balene, North Country) è certamente un film onesto per i temi affrontati. Il libro e il film raccontano di come, grazie al coraggio e all’altruismo della coppia di appassionati zoologi, oltre trecento ebrei trovarono rifugio nei sotterranei dello zoo ormai privo di animali e divenuto acquartieramento delle truppe tedesche di stanza Varsavia, riuscendo così a salvarsi dall’olocausto.

Un film sulla guerra, quindi. E sulle atrocità compiute dai nazisti nei confronti della popolazione ebrea segregata nel ghetto di Varsavia. Ma, a differenza di molte opere a tematica simile, La signora dello zoo di Varsavia, pur senza lesinare scene drammatiche, vuole lanciare un messaggio di speranza e ottimismo circa la capacità di solidarietà fra esseri umani. Al di là di questo, il film (distribuito in Italia da M2 Pictures) vuole essere, oltre che un’opera sulla tragedia della guerra, anche la rappresentazione di una vicenda privata fra marito e moglie: un'idea, quest'ultima, che convince poco. Manca lo slancio emotivo e tutto è abbastanza ordinario, dalla fotografia alla musica. La sceneggiatura di Angela Workman non ha vigore e i personaggi sono piuttosto scontati; tranne, in parte, Lutz Heck (Daniel Brühl), il piccolo gerarca nazista - anch’egli zoologo e direttore dello zoo di Berlino, di stanza a Varsavia - che riesce a mostrare, nel finale, una parvenza di umanità.

Un film sulla guerra e sulle atrocità compiute dai nazisti nei confronti della popolazione ebrea segregata nel ghetto di Varsavia.

Il maggior interesse del film è rappresentato, forse, dalle scene realizzate con gli animali sul set nella città bombardata e dalla simbologia presente all'interno del giardino zoologico, luogo dove vengono rinchiusi gli animali ma adibito a rifugio per esseri umani considerati e trattati come bestie da altri uomini più feroci della peggior belva lì rinchiusa. Ma è poco per un film che, per i contenuti e l’impatto emotivo dell’argomento, dovrebbe essere accomunato a ben altre pellicole sullo stesso tema, da Schindler's List a Il Pianista. Del resto, al termine della guerra, i coniugi Žabinski sono stati menzionati dallo Stato di Israele come “Giusti tra le nazioni”, termine con il quale vengono indicati tutti i cittadini non ebrei che, rischiando la propria vita, hanno permesso di salvare anche un solo cittadino ebreo dal genocidio della Shoah.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
92 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo