Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Luciano De Crescenzo, nato a Napoli, dopo vent’anni di lavoro alla IBM in qualità di ingegnere, riscopre e coltiva, negli anni Settanta, la sua passione letteraria diventando col tempo uno dei massimi esponenti del settore. Le sue opere hanno dato vita a film, idee, spunti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

De Crescenzo è un misto di capacità e autoironia, sostenuto da una vasta cultura e competenza, coltivata grazie ai suoi studi, al servizio del nostro Paese. Patrimonio italiano riconosciuto e raccontato in un documentario ficcante e puntuale.

Così parlò De Crescenzo è l’omaggio che il regista Antonio Napoli fa a uno degli artisti più interessanti del nostro Paese. Sicuramente Luciano viene descritto come un uomo facente parte della “vecchia scuola”, dove i letterati non godevano immediatamente di grande credibilità. Infatti, si (ri)scopre scrittore piuttosto tardi, dopo vent’anni di IBM, con una laurea in ingegneria che gli aveva permesso di presentarsi sul lavoro col massimo della qualifica. Arrivato a diventare dirigente aziendale, si rende conto – per fortuna sua e nostra – che non era abbastanza. Come pochi fanno, Luciano ha scelto di guardarsi dentro e di fare i conti con le proprie passioni senza scendere a patti. La sua vera vocazione è la scrittura, la divulgazione di intenti e intenzioni.

Così parlò De Crescenzo è un punto fermo da cui chi è appassionato al repertorio dell’autore può ripartire, ma è anche e soprattutto un’occasione per i più giovani di poter conoscere un caposaldo della scrittura e della cinematografia.

Da buon napoletano, ha sempre avuto una forte autoironia, sommata a una spiccata sensibilità, che gli ha permesso di carpire umori, vizi e virtù di ciò che aveva intorno. Ha restituito, tra il 1977 e il 2000, la napoletanità alla portata di tutti: quasi un marchio da esportare. Grazie a Maurizio Costanzo, padrino della sua opera prima, uscì quello che divenne un caso letterario (e poi anche un film) internazionale: Così parlò Bellavista vende più di 600.000 copie, riuscendo ad approdare anche all’estero. A questa seguono altre 24 opere, per un totale di 18 milioni di copie nel mondo, che consacrano De Crescenzo autore internazionale e garanzia italiana.

Questi numeri, che fanno spavento per la loro vastità, vengono riassunti in poco più di un’ora, dentro a quello che è un atto dovuto – in forma documentaristica – nei confronti di una figura così preponderante.

Luciano De Crescenzo ha trasformato i luoghi comuni sul sud in miti da rappresentanza, dimostrando quanto valore si celi dietro determinati atteggiamenti, accompagnati da precise sonorità e suggestioni. Il savoir faire di un compositore scaltro, come continua ad essere Luciano – così lo chiamano i compagni di sventura Renzo Arbore e Marisa Laurito – è rappresentato attraverso testimonianze ilari e toccanti di alcuni dei suoi colleghi: il compianto Bud Spencer, Isabella Rossellini, Lina Wertmüller, Marina Confalone e Benedetto Casillo. Questo documentario è per tutti, eppure conserva un’intimità quasi maniacale. Particolare che non può sfuggire soprattutto quando si affronta il tema della malattia che ha colpito il Maestro: la prosopagnosia, che non gli permette di riconoscere i volti delle persone conosciute. Così parlò De Crescenzo è un punto fermo da cui chi è appassionato al repertorio dell’autore può ripartire, ma è anche e soprattutto un’occasione per i più giovani di poter conoscere un caposaldo della scrittura e della cinematografia. Perciò, con l’uscita del film, la Bunker Hill ha lanciato l’iniziativa del "biglietto sospeso": a Napoli, mostrando in biglietteria la copia di un quotidiano con la data del giorno, sarà possibile ricevere un biglietto omaggio o lasciarne uno sospeso per uno spettatore o un amico.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
30 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo