Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Agadah Recensione


Agadah Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel Talmud, uno dei testi sacri dell’ebraismo, la Haggadah (o Aggadah) è un termine cabalistico che indica una raccolta di omelie rabbiniche che comprendono folclore, aneddotica, consigli morali e altro ancora. Nel film Agadah, di Alberto Rondalli, c’è molto di tutto questo.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Ne deriva un’opera che, al pari di altri testi basati sul racconto e sull’affabulazione - Il Decamerone, Le Mille e una Notte, I Racconti di Canterbury - è una raccolta di storie, situazioni, aneddoti che si aprono uno dopo l’altro come in una serie di scatole cinesi. L'una contiene l’altra, e poi un’altra ancora e così via.

Questo fa sì che Agadah sia un film affascinante e misterioso, ricco di episodi che proiettano lo spettatore in un vortice di situazioni che passano dall’horror al fantasy, dalla cabala all’erotismo, con una circolarità della narrazione che riporta la storia sempre al punto di partenza. Il film è tratto da uno dei testi più complessi e visionari della letteratura gotica ottocentesca, il Manoscritto trovato a Saragozza, scritto in francese agli inizi dell’Ottocento dal conte polacco Jan Potocki, morto suicida nel 1815 che, nel film, compare nel prologo e nell’epilogo.

Agadah è suddiviso in dieci capitoli, ognuno dei quali è costituito da una giornata (rispetto alle 66 dell’opera letteraria). Alfonso di Van Worden, giovane ufficiale della guardia Vallone al servizio di Re Carlo di Borbone, all’indomani della battaglia di Bitonto - combattuta nel 1734 fra spagnoli e austriaci -, si reca a Napoli per riunirsi al suo reggimento attraversando l’altopiano dell’Alta Murgia, seppur sconsigliato dal suo fido servitore in quanto luogo notoriamente infestato da spiriti maligni. Inizierà così per Alfonso un viaggio iniziatico, fatto di visioni, sogni e allucinazioni che gli faranno vivere incontri con donne bellissime e sensuali, zingari affabulatori, impiccati che si trasformano in mostri ripugnanti, demoni terrificanti e briganti. Ogni personaggio che Alfonso incontrerà lungo il suo cammino gli narrerà una storia che costituirà, di conseguenza, un racconto nel racconto, contribuendo a rendere il film un’opera spettacolare e avvincente.

L’estrema complessità del romanzo di Jan Potocki, opera monumentale che racchiude in sé vari livelli di lettura, rende arduo l’adattamento per il cinema (un tentativo era già stato fatto nel 1965 dal regista polacco Wojciech Has).

L’estrema complessità del romanzo di Jan Potocki rende arduo l’adattamento per il cinema, eppure Alberto Rondalli ci è riuscito.

Eppure Alberto Rondalli ci è riuscito, complici le belle scenografie di Francesco Bronzi e la fotografia di Claudio Collepiccolo, che esalta gli ambienti e i panorami della Murgia e delle altre località nel quale il film è girato (fra cui la città alta di Bergamo, che appare velata di un’aura magica e misteriosa). Buona anche la prova del cast: attori di alto livello come da Nahuel Pérez Biscayart (che interpreta Alfonso di Van Worden), Pilar Lopez de Ayala, Valentina Cervi, Alessio Boni, Caterina Murino, Alessandro Haber, Umberto Orsini. Un ottimo esempio di cinema tratto da un’opera letteraria.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
80 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo