Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

L'età imperfetta Recensione


L'età imperfetta Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Due ragazze di diciassette e diciotto anni danzano, insieme ad altre ballerine. I corpi armoniosi ed eleganti, i tutù leggeri, i passi sulle punte: tutto è grazia, bellezza, giovinezza.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 4/5

Eppure... Una di loro, Sara (Paola Calliari), misto di innocenza e perversione, fa di tutto per conquistare l'amicizia di Camilla. Entrambe sognano di entrare in un'importante accademia di danza, infatti di lì a poco ci sarà l'audizione. Camilla (Marina Occhionero)ha un anno di meno, una sorellina anche lei in tutù, una mamma attenta e integerrima e un papà tenero. Sara finisce per conquistare Camilla con l'arte seduttiva di una vampira adolescente: baci che sfiorano le labbra, confidenze, complicità, lusinghe. La inizia alle droghe leggere, a bere qualche bicchiere in più, la spinge fra le braccia di un ragazzo, che poi si scoprirà essere il suo. Sara sembra avere tutto, ma sta cercando qualcosa che ancora non possiede.

Un'opera prima con attori dalla recitazione pulita, credibile e onesta, come non sempre si vede nel cinema italiano.

Quando Camilla si risveglierà dall'abbraccio illusorio di quella amicizia, sarà per accorgersi che è arrivata l'ora dell'audizione e che la grazia della sua performance, dopo una notte di eccessi con l'amica, è svanita.

Il vicentino Ulisse Lendaro, alla sua opera prima come regista, indaga con felici risultati l'universo femminile adolescenziale e ritrae abilmente il rapporto fra sorelle e fra amiche, basato sull'ambivalenza tra tenerezze amorose e acerrime rivalità. Il film ci lascia con una sospetta malefatta, senza darcene le prove. E quando crediamo di conoscere i caratteri delle due protagoniste, Sara e Camilla, confonde le acque, le intorbida, riuscendo a creare personaggi poliedrici e realistici e dando alla storia una svolta inaspettata.

La fatica, la passione e il desiderio di diventare ballerine sono raccontati, senza la necessità di parole, attraverso le immagini dei piedi piagati e feriti delle ragazze. La relazione fra Camilla e la sorellina è dipinta con autenticità, anche grazie al talento della piccola Francesca (Ginevra Lendaro) e di Camilla, la brava Marina Occhionero. Il risultato è un'opera prima con attori dalla recitazione pulita, credibile e onesta, come non sempre si vede nel cinema italiano. Difficilmente si potrà dimenticare il contrasto fra lo splendore dei giovani corpi femminili e l'ombra dell'oscurità – e della violenza – che grava sulle coscienze, insondabili.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
80 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo