Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

The Place Recensione


The Place Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

The Place è il nome di un ristorante frequentato da un uomo misterioso (Valerio Mastandrea) che siede sempre allo stesso tavolo, con un libro davanti a sé. L'uomo promette a otto visitatori di esaudire i loro più grandi desideri, in cambio di "missioni" e compiti di ogni tipo da portare a termine affinché il desiderio possa avverarsi.

Presentato in chiusura della dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, The Place è l'atteso ritorno alla regia di Paolo Genovese, che nel 2016 aveva presentato al mondo Perfetti Sconosciuti: opera sopra gli standard, che riuniva un cast stellare insieme a una brillante sceneggiatura, firmata dalla bellezza di cinque nomi (incluso quello del regista).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Con la sua seconda opera, Genovese riunisce parte dello stesso cast (ritornano Marco Giallini e Alba Rohrwacher) con nomi nuovi ma che, certamente, non sono una novità nel panorama cinematografico italiano e che potrebbero rappresentare una garanzia per il regista italiano. Paolo Genovese imbastisce di nuovo la formula "perfetta" che aveva permesso alla sua opera prima di conferire notorietà al suo nome: The Place è girato interamente in interni - più specificatamente, in un solo interno - e può fare affidamento sulle prove recitative di attori e attrici noti (tra i quali, oltre ai sovracitati, menzioniamo Sabrina Ferilli, Alessandro Borghi, Vinicio Marchioni, Silvio Muccino, Rocco Papaleo), esattamente come accadeva per Perfetti Sconosciuti.

La struttura narrativa in tre atti, la costruzione degli spazi e la presentazione dei personaggi - gli otto visitatori che man mano entrano, dialogano uno ad uno al tavolo con l'uomo ed escono dal diner - restituiscono al film un'impronta teatrale. Tuttavia, è chiaro che il tentativo di replicare (o quantomeno rammentare) un'opera prima che trovava il proprio equilibrio in toni mai troppo farseschi, mai tragici, sospesi su una linea sottilissima in cui la raffinata comicità non giungeva mai tramite idee scontate, non abbia avuto la stessa riuscita in The Place. La costante nella filmografia di Paolo Genovese è, finora, una regia dinamica ridondante ed eccessiva per una sceneggiatura ricca che ha già del movimento al suo interno. Ma è necessario specificare che nel caso di The Place sono soprattutto le ingenuità relative alla scrittura stessa il problema più immediato e facile da identificare. Il film si dipana attraverso i resoconti verbali, mai tramutati in immagini, delle otto persone alle prese con i tasks che vengono loro assegnati: questa scelta compromette la fluidità dell'opera che, sorretta da una scrittura farraginosa, risulta meccanica, piuttosto prevedibile (in particolar modo nel momento in cui viene introdotta la prima, e unica, vera svolta narrativa) e priva di significativi colpi di scena.

Le potenzialità di The Place erano e restano, in breve, tutte in nuce: un soggetto seducente che purtroppo, durante il processo di trasformazione in testo filmico e poi in immagini, si è offuscato.

Poco della personalità degli individui riesce a emergere dalla struttura macchinosa del gioco a incastro di cui Paolo Genovese si compiace, non riuscendo neppure a dirigere in maniera adeguata le performances dei grandi attori che prestano volto e voce ai protagonisti (fa eccezione un Silvio Muccino stavolta convincente) e che non riescono, per quanto tentino, a donare sfumature ai propri bidimensionali personaggi. Le potenzialità di The Place erano e restano, in breve, tutte in nuce: un soggetto seducente che purtroppo, durante il processo di trasformazione in testo filmico e poi in immagini, si è offuscato.

di Federica Cremonini
Sei d'accordo con questa recensione?
No
65 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo