Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Una nebbia densa, bianca, vaporosa, avvolge il protagonista: il giovane partigiano Milton (Luca Marinelli), girovagando per la campagna delle Langhe, fucile in spalla, si ritrova all'improvviso di fronte alla Villa della bella Fulvia (Valentina Bellè), nella quale ha trascorso l'estate del suo amore non ancora ricambiato, fatto di lettere e di promesse per il domani. Erano sempre in tre, ad ascoltare dischi, arrampicarsi sugli alberi, ridere e parlare: Milton, Fulvia, e l'amico fraterno Giorgio (Lorenzo Richelmy), anche lui diventato partigiano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Erano, nel passato. Prima che iniziasse la guerra.

L'ultimo lavoro dei fratelli Taviani - di cui, per la prima volta, Paolo firma la regia senza il fratello Vittorio -non è solo un film di guerra. La nebbia ci introduce nella dimensione del sogno. Il tempo, che con i flashback ci riporta al passato del giovane, non esiste; e, come nei sogni, diventa presente. Il nostro presente. Lo stesso che ha spinto Paolo Taviani e Vittorio Taviani a decidere di fare questo film: un'opera necessaria, soprattutto per i giovani, per non dimenticare, per ricordare da quale parte stava la ragione e da quale parte la follia.

Una Questione Privata, se non un testamento, è un dono, fatto dai grandi registi che sono la storia del cinema italiano, alle nuove generazioni.

In un'epoca storica come la nostra, nella quale – hanno dichiarato i registi – si cerca di cancellare e negare la memoria di ciò che è stato.

In questo lungo sogno, Milton è appassionato di letteratura e lingua inglese; come lo era lo scrittore Beppe Fenoglio, dal cui libro omonimo il film è tratto, liberamente. In seguito ai pettegolezzi della custode della Villa, viene colto da una violenta gelosia che gli dilania il cuore e riempie l'anima di dubbi. Cosa è accaduto fra il suo amore e l'amico della sua infanzia? Milton deve correre da Giorgio per sapere la verità, ma nel frattempo l'amico viene catturato dai fascisti.

Farà in tempo Milton a trovare un ostaggio da scambiare per salvare la vita di Giorgio? Facendo i conti coi dubbi e i tormenti che gli scoppiano nella testa, Milton corre, disperato, per quei boschi e campi segnati dalla guerra, teatro surreale di deliri e di incubi.

Questo ultimo meraviglioso e poetico lavoro dei Taviani è fatto di immagini indimenticabili che parlano la lingua del sogno: una bambina in un campo di cadaveri, che si alza, va a bere un bicchiere d'acqua e poi ritorna a stendersi accanto al corpo della mamma. Un fascista prigioniero, con gli occhi stralunati, che canta mimando un pezzo jazz, poco prima di essere fucilato. L'abbraccio e i baci teneri e disperati di Milton ai suoi genitori, incontrati per caso sotto a un portico ventoso, a un metro dallo sguardo dei fascisti armati. Meraviglie e orrori della guerra. In questa e in altre occasioni Luca Marinelli si conferma, come ampiamente già dimostrato in Non essere cattivo e Lo Chiamavano Jeeg Robot, un attore di forza espressiva e intensità formidabili. Si può rimproverare a un sogno che nei dialoghi, a volte, le parole risultino poco naturali o che qualcosa sia imperfetto?

Una Questione Privata, se non un testamento, è un dono, fatto dai grandi registi che sono la storia del cinema italiano, alle nuove generazioni. E che vuole ricordare che la guerra, ogni guerra, è una questione privata, una cosa che appartiene alla coscienza, alla responsabilità e all'azione – o non azione – di ognuno di noi. Eppure, la questione più importante, quella che salva dalla follia, che fa scordare tutto, e che fa persino correre incontro alle pallottole o saltare su un ponte minato, è l'amore.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
21 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo