Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Notti Magiche Recensione


Notti Magiche Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

3 Luglio 1990, la notte di Italia-Argentina viene ritrovato nel Tevere il cadavere del noto produttore cinematografico Leandro Saponaro. Da questa morte, apparentemente accidentale, comincia la storia di Ambrogi, Scordia e Malaspina, tre ragazzi venuti da lontano che arrivano nella Città Eterna durante il Mondiale Italia 90.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Gli aspiranti sceneggiatori, finalisti del Premio Solinas, si ritroveranno a condividere casa, gioie e dolori per un mese. Trenta giorni fatti di incontri, scontri e conoscenze illustri nel tentacolare mondo del cinema italiano, in cui non è tutto oro quel che luccica.

Paolo Virzì presenta alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma un film in cui la Città Eterna gioca un ruolo fondamentale. Notti magiche è una commedia che si tinge di giallo, in cui la Capitale torna negli anni Novanta: il regista toscano riporta tutti ai tempi di quel sogno Mondiale, sfumato ai rigori, e descrive una vicenda intricata che viaggia su più livelli. Anzitutto, il titolo non è semplicemente un omaggio all’omonima colonna sonora di quell’estate che ventotto anni fa ha tenuto chiunque col fiato sospeso. Le notti, in questo film, diventano magiche per davvero. Nel senso che cambiano la prospettiva di ogni cosa e, quando su Roma cala l’oscurità, cessa di esistere quella teatralità e quel garbo che contraddistingue l’industria cinematografica italiana: se di giorno sono tutti pronti e disponibili, ogni notte gli addetti ai lavori del mondo della celluloide si ritrovano nei salotti buoni, ristoranti, bar, discoteche e alimentano intrighi, sotterfugi, espedienti al limite del consentito per mandare avanti questa macchina da soldi che è il grande cinema italiano.

La Settima Arte, nell’ultimo film di Virzì, viene presa di mira facendo uscire allo scoperto tutte quelle crepe su cui si è sempre sorretta l’architettura produttiva: sceneggiatori che lavorano essendo pagati sottobanco, il fenomeno del ghostwriting, la tendenza a scegliere attori suggeriti piuttosto che professionisti meritevoli, l’abominio di ottenere ruoli o progetti tramite favori sessuali. Questo avviene oggi, ma è sempre successo.

Paolo Virzì sceglie, attraverso la purezza dei suoi interpreti, di far crollare il castello di carte in toto: l’opera è un attacco, neanche troppo velato, a certe consuetudini che sarebbe ora di debellare.

Notti magiche lo fa capire prendendo posizione, tornando indietro di quasi trent’anni. Dunque, la morte di un personaggio illustre, squattrinato e zoticone, diventa il pretesto per fare le pulci ad un sistema malato e marcio che, però, appare splendente e – per l’appunto – magico.

Virzì sceglie, attraverso la purezza dei suoi interpreti, di far crollare il castello di carte in toto: l’opera è un attacco, neanche troppo velato, a certe consuetudini che sarebbe ora di debellare. Certamente, Notti magiche sarebbe stato impossibile da realizzare qualche anno fa, quando le ombre dell’industria cinematografica erano ancora celate. Le recenti rivelazioni della cronaca, forse, hanno spinto il regista a costruire qualcosa di sferzante che lasciasse una morale al pubblico.

Una presa di coscienza su un mondo apparentemente perfetto. Molti i cammei: da Ornella Muti ad Andrea Roncato, passando per Tea Falco. Si cita Fellini, Moretti, Scola. Si intravede Mastroianni, affranto per aver rotto da poco con la Deneuve, e vengono fatti importanti cenni storici. Notti magiche è un film che illumina, apre gli occhi e, tra il serio ed il faceto, lascia intendere che non è più tempo di rimanere in silenzio davanti alle ingiustizie.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo