LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Gli asteroidi Recensione


Gli asteroidi Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Gli asteroidi, presentato al 70° Festival del Cinema di Locarno, è l’opera prima del regista bolognese Germano Maccioni, classe 1978, già autore del documentario Lo Stato di Eccezione. Processo per Monte Sole 62 anni dopo, sulla strage perpetrata dai nazisti durante l’occupazione; e del cortometraggio Cose naturali per il quale ha diretto Roberto Herlitzka e Angela Baraldi.

Maccioni ambienta la storia del suo primo lungometraggio nella bassa emiliana, fra campagna e capannoni industriali, balere e fabbriche abbandonate.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3.0/5

Un mondo ormai alla deriva nel quale si muovono i giovani protagonisti del film: Pietro, Ivan, Cosmic, tutti impegnati a superare il disagio di vivere in una società nella quale stentano a riconoscersi. Ognuno di loro lo fa come può e come sa. C’è chi, come Ivan, ruba candelabri nelle chiese per conto di Ugo, un malavitoso della zona (interpretato da Pippo Del Bono); c'è chi come Pietro, si attacca quasi morbosamente a un oggetto, ricordo del padre morto tragicamente; chi, come Cosmic, guarda le stelle attendendo lo schianto dell’asteroide che dovrebbe porre fine all’umanità. Interessante è il luogo simbolo in cui si consumano molte scene del film: la stazione radioastronomica nella quale si aggirava Monica Vitti in Deserto rosso di Michelangelo Antonioni, omaggio che Maccioni fa al grande regista ferrarese.

I giovani del film sono come asteroidi: corpi fatti della stessa materia dei pianeti intorno ai quali gravitano senza però trovare una propria collocazione e rischiando, spesso, collisioni fatali. Film di passaggio dalla giovinezza all’età adulta, ciò che caratterizza l'opera di Germano Maccioni è, soprattutto, la perdita. In primis la perdita di un tessuto sociale sul quale, un tempo, si poteva contare e la cui scomparsa ha lasciato le persone nella difficoltà del vivere quotidiano e nelle proprie solitudini. In questa desolazione è scontata la perdita di punti di riferimento.

I giovani del film sono come asteroidi: corpi fatti della stessa materia dei pianeti intorno ai quali gravitano senza però trovare una propria collocazione e rischiando, spesso, collisioni fatali.

La si percepisce soprattutto fra i giovani, abbandonati a se stessi, privi di prospettive; rifiutano i valori dei genitori e li vedono, al contrario, come dei falliti di cui non vorrebbero ripercorrere i passi. Nel film di Maccioni non esiste una figura di adulto positiva: i grandi hanno tutti perso la loro funzione di figure guida, non sono più in grado di insegnare e trasmettere qualcosa di buono alle giovani generazioni.

Anche se non originalissimo, lo spunto del film, nella sua semplicità, potrebbe essere interessante. Purtroppo la recitazione sopra le righe disturba parecchio. Gli attori principali (a eccezione di Pippo Del Bono, Chiara Caselli e Tatti Sanguineti, che regala il cameo di un vecchio prete) sono tutti non professionisti, reclutati nelle scuole della periferia bolognese.

Il regista non è stato in grado di farli recitare in modo naturale e così la loro prova contribuisce a dare al film un che di irrisolto. Peccato, perché Gli asteroidi avrebbe potuto essere un crudo spaccato della provincia italiana al tempo della crisi, sia economica sia, soprattutto, etica e morale.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
32 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo