Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Gramigna Recensione


Gramigna Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Luigi è un ragazzo cresciuto fra criminalità e malaffare, figlio di un noto boss camorrista. Vive i suoi giorni senza un riferimento paterno, poiché può vedere il padre solo in carcere; trascorre le ore fra sogni e speranze irrealizzabili, costretto a fare i conti con la dura realtà di una vita che non ha scelto.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5



Gramigna dà seguito al filone crime che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede al cinema e in televisione: non ci si accontenta più soltanto di raccontare la malavita, ma si vuole osare ulteriormente cercando di capirne la psicologia e le conseguenze per chi ci si trova coinvolto. Ecco, quindi, che i riflettori e le curiosità cambiano prospettiva: un boss come è visto dal proprio figlio? Come viene percepita la malavita da chi ci sguazza – quasi per caso – sin dai primi vagiti? Queste risposte prova a darle Sebastiano Rizzo ambientando la sua storia nell’entroterra campano; ma invece di soffermarsi sullo sfarzo, lo strapotere e la coercizione camorrista, ricomincia da un ragazzo.

Luigi (ispirato da Luigi Di Cicco, noto pargolo del boss Diego) viene allattato al suono delle armi e all’eco dello spaccio, fino a convivere con tutti i rischi e le tentazioni di chi mastica amaro sin da subito poiché non ha molte altre vie d’uscita. Quando un boss ce l’hai dentro casa, l’affetto verso i propri cari potrebbe venir scambiato con l’omertà e la complicità con la versione più abbordabile del bene. Il giovane in questione vuole prendere una strada diversa, grazie anche agli insegnamenti della madre e agli stimoli che arrivano dalla sua passione più grande, il calcio. Tuttavia, è costantemente alle prese con una battaglia che ha luogo nel proprio animo, perennemente messo dinnanzi a un bivio tra il bene e il male. Scegliendo una strada, che senza dubbio sembrerebbe la più giusta, potrebbe perdere l’affetto paterno.

Assistiamo a una purificazione senza sconti, quasi una via crucis della redenzione, lastricata di provocazioni e compromessi.

Perché, in determinati contesti, il sangue si mastica e – a volte – si sputa.

Questa costante dicotomia è incarnata precisamente dalla bella presenza di Gianluca Di Gennaro (che abbiamo già notato in ruoli simili, ne Il clan dei camorristi e Gomorra – La Serie), che mescola la purezza del bravo ragazzo all’amarezza di colui che si è ritrovato a dover crescere prima del tempo: l’infanzia, come anche la giovinezza, è un lusso troppo grande per chi non può permettersi nemmeno di fermarsi a pensare. Assistiamo a una purificazione senza sconti, quasi una via crucis della redenzione, lastricata di provocazioni e compromessi. Staccarsi di dosso determinate etichette può costar caro, come insegna la vicenda di Peppino Impastato in Sicilia.

Il Luigi di Sebastiano Rizzo è un eroe nero che tenta di riprendersi l'innocenza che gli hanno strappato senza volere, di espiare le proprie pene anche attraverso la durezza del carcere. Come la pianta che dà il titolo al film, il protagonista riuscirà a estirpare da sé ogni forma di devianza e tentazione tenendo sempre ben presente quale deve essere la rotta per raggiungere alla legalità.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo