Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Napoli Velata Recensione


Napoli Velata Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

L'ultima fatica del pluripremiato regista di origine turca Ferzan Ozpetek è un thriller ad alto tasso erotico, un horror con volti sfigurati e apparizioni spettrali; carnale e al contempo mistico, nel quale non mancano persino gli antichi rituali magici di una Napoli arcaica e misterica. Napoli Velata racchiude un po' di tutto e, dopo un incipit ipnotico, ci trascina in una trama che percorre tante strade, finendo però per non imboccarne realmente nessuna.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

E così, quello che sembrava essere forse uno più sensuali e riusciti film di Ozpetek, si rivela per quello che è: un suggestivo divertissement.

Un omaggio alla città di Napoli, di cui il regista coglie gli aspetti più fascinosi e inusuali; come già era stato in Bagno Turco per Instanbul, in Mine Vaganti per Lecce e Magnifica presenza per Roma. Ozpetek, affezionato a luoghi e persone, sceglie di lavorare ancora con alcune delle sue attrici feticcio e affida il ruolo della protagonista a Giovanna Mezzogiorno (La finestra di fronte).

La storia è quella di Adriana, una patologa legale dall'oscuro passato e dalla vita sentimentale congelata, che incontra a una festa Andrea (Alessandro Borghi), bello e sfrontato, col quale trascorre una notte di passione. Ma Napoli Velata è soprattutto un racconto sulla capacità di vedere “oltre” il velo. Il velo del passato, dell'apparenza, della vita dopo la morte e persino dell'arte. Le persone non hanno il coraggio di guardare in faccia la realtà e allora è necessario ricoprirla, per poterla realmente mostrare. L'arte ha il potere di svelare e di mostrare nuda la realtà attraverso la finzione e questa è anche l'ambizione del film.

Il tema del trauma passato che stravolge e ritorna ricalca la memoria filmica de Il Danno di Louis Malle, nel quale era sempre una violenta e inarrestabile passione dei sensi, a far deflagrare il click della follia, o la ricerca della verità. Sono tanti i riferimenti e le suggestioni che accompagnano il film.

Ferzan Ozpetek si può amare oppure no, ma la sua capacità di seduzione, attraverso la quale guida lo spettatore in un universo di luoghi, odori, sguardi, è innegabile.

Come nel cibo, esagerato, fritto, elaborato, di matrice partenopea e di valenza erotica che la protagonista cucina in compagnia del suo amante, e che ricorda l'offerta votiva omerica ai morti, per permettere loro di tornare in vita o almeno di parlare, di svelare segreti.

Ferzan Ozpetek si può amare oppure no, ma la sua capacità di seduzione, attraverso la quale guida lo spettatore in un universo di luoghi, odori, sguardi, è innegabile. Debordante, opulento, strizza sempre l'occhio a Pedro Almodovar – una donna in rosso non manca mai - e gioca, coi fantasmi, con il senso della vita e dei destini umani. Eppure, nonostante le belle immagini - piene di rimandi cinematografici, culturali e pittorici, come ad esempio le riunioni femminili di volti pietrificati di bellezze passate, inquietanti e vagamente assassine come un consesso di streghe - Napoli Velata, soprattutto nella seconda parte, mostra i suoi difetti. Forse perchè paga un esordio giallo che ha stimolato la curiosità di scoprire una verità, destinata a non venire mai appagata.

E dopo averci appassionato si conclude con un ulteriore dubbio, un ulteriore passo indietro, un sorriso, un occhio strizzato, un gioco. Inizia con un'inquadratura che ci fa credere di essere in un film di Alfred Hitchcock e finisce ricordandoci che siamo invece in un film di Ferzan Ozpetek, per il quale, evidentemente, è più importante il viaggio che la meta.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
81 No
Condividi:
starstarstarstarstar

Le suggestive strade del centro storico di Napoli la notte si popolano di fantasmi, luoghi, angoli, statue sono lo scenario dei nostri sogni, o dei rimpianti. Così passato vero, e presente reale o immaginato recitano su questo palcoscenico che da secoli fa da sfondo. Le scene negli interni tolgono un po' spazio a questi luoghi Attiriamo suggestiva che però meritava una migliore Foto

Leggi tutto

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Nome | 1:00 05/01/18

Napoli velata mi è parso un film sconclusionato, con tanti personaggi inutili e fini a se stessi, una sceneggiatura debolissima. I film di Ozpetek non mi hanno mai entusiasmato, e questo non fa che confermare le mie precedenti impressioni. Anche io ho riscontrato un tentativivo mal riuscito di recuperare la commedia grottesca di Almodovar, ma senza la genialità  e la visionarietà  del regista spagnolo.

Segnala Rispondi

caposupremo | 16:47 17/01/18

Bellissimo!

Segnala Rispondi

Nome | 16:48 17/01/18

Non è il mio film di ozpetek preferito, ma carino.

Segnala Rispondi

COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo