Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sulla mia pelle Recensione


Sulla mia pelle Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Sulla mia pelle, diretto da Alessio Cremonini, è uno dei film italiani che apre la mostra del cinema di Venezia, edizione 75, presentato nella sezione Orizzonti. Il film, distribuito contemporaneamente in sala e su Netlix, racconta la vicenda di Stefano Cucchi, morto il 22 ottobre 2009 dopo soli sette giorni dalla sua detenzione per mano e omertà di dovrebbe garantire ordine e diritto alla salute.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3.5/5

Interpretato da uno strepitoso Alessandro Borghi, che per questo ruolo ha trasformato il suo fisico e la sua voce, Sulla mia pelle ci regala una delle performance migliori della sua intensa carriera da attore.
Una manciata di giorni, solo sette, che restano sulla pelle di un attore, ma anche sulla quella degli spettatori. Sette giorni, sembra assurdo, eppure bastano per raccontare in maniera asciutta e priva di fronzoli la devastazione di un giovane ragazzo e della sua famiglia, tenuta lontano dalla verità. Stefano Cucchi è protagonista di uno dei fatti di cronaca nera più tristi e ancora irrisolti del nostro Paese: un giovane romano che muore mentre si trova in custodia cautelare, per fatti che sono ancora da accertare.

Un film che va diretto al punto, quello di Cremonini. Ci troviamo immediatamente in una stanza, quella in cui Stefano viene trovato morto dal personale della struttura in cui si trova in custodia. Poi il film fa un testacoda e inizia dal primo giorno a raccontarci cosa è avvenuto da quando Stefano è stato fermato da due carabinieri per possesso e spaccio di sostanze stupefacenti. Quello a cui assistiamo è un racconto onesto, in cui non ci sono colpevoli, ma solo “accusati”. In cui non ci sono immagini violente, ma quello che viene fuori è una brutale sensazione di non-sense.

La sceneggiatura, scritta da Lisa Nur Sultan con lo stesso Alessio Cremonini, lascia allo spettatore tante e diverse emozioni.

L’impotenza si fa carne e lividi: questo lento morire del corpo, enfatizzato dal rifiuto del protagonista ad ogni forma di dialogo che non sia alla pari (con vicini di cella, ad esempio) è rappresentazione di quella speranza tanto cara a Stefano stesso, che lentamente si consuma assieme al corpo.

Siamo con Stefano mentre, ammettendo il proprio passato, si mostra come un ragazzo sofferente, che ha sbagliato e ne è consapevole, ma che nonostante le ricadute si alza tutte le mattine per andare a lavorare da geometra con suo padre. Siamo con lui mentre lo allontanano dal suo avvocato, dalla sua famiglia, quasi a espiare colpe che sono ben più lievi di quelle dei suoi presunti carnefici. Il tocco della macchina da presa è schietto, ma non spietato. Non ci mostra il momento delle percosse, ma ce lo fa rivivere, in maniera indiretta e per costruzione, attraverso il dolore del suo protagonista.

È lui al centro delle vicende: la scelta registica è di tenere tutti gli altri comprimari solo degli spettatori da diverse angolature.

La famiglia diventa simulacro di ciò che l’omertà ha prodotto, di impotenza davanti a un sistema che a volte è davvero crudele. I carnefici non ci sono quasi: sono solo sguardi, occhi che minacciano incombenti da lontano, le cui conseguenze influenzeranno le scelte e gli errori di Stefano. I giudici e il personale ospedaliero non sono altro che elementi impassibili di un meccanismo che frattura le ossa, complici silenziosi di un mondo marcio che dimentica, che si gira dall’altra parte quando ha paura di scoprire una verità scomoda. Tutta la struttura narrativa si regge sull’interpretazione immensa per quanto credibile di Alessandro Borghi, che riesce a trasmettere con i gesti, con le corde vocali, con gli occhi tutta la rassegnazione di chi sta capendo che non gli resta molto al mondo, se non accettare il suo triste destino.

L’impotenza si fa carne e lividi: questo lento morire del corpo, enfatizzato dal rifiuto del protagonista ad ogni forma di dialogo che non sia alla pari (con vicini di cella, ad esempio) è rappresentazione di quella speranza tanto cara a Stefano stesso, che lentamente si consuma assieme al corpo.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
81 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Vito302 | 13:21 19/09/18

Un film asciutto, recitato benissimo e con una regia che osserva senza mai prendere posizione. Poteva essere qualcosa di completamente diverse e paraculo invece Cremonini realizza una sorta di docufilm che resta appiccicato addosso. Chapeau.

Segnala Rispondi

COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo