Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il condominio dove abitano i Parascandalo è invaso dai preparativi della festa per i 18 anni della figlia. Tra mobili, cantanti, palloncini e cibo di ogni genere, i coinquilini del palazzo devono accettare la situazione.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Gennaro (Vincenzo Salemme) è il padre di famiglia: un piccolo imprenditore completamente soggiogato dalla moglie Teresa, che ormai ha perso il controllo della festa. Al piano di sotto vivono i Scamardella, padre e figlia. Il padre, molto malato, lascia questo mondo proprio nel giorno della festa tanto attesa. Che fare?

Tratto dal'omonima commedia teatrale di Vincenzo Salemme, Una Festa Esagerata è una commedia corale girata nella Napoli bene. Il tentativo è quello di raccontare con ironia l'Italia di oggi, troppo impegnata a ostentare finto sfarzo e a occuparsi di futilità per interessarsi alla vita (o alla morte) di qualcun altro. Un'altra problematica che viene a galla è l'analfabetismo disfunzionale, piaga del nostro Paese, che viene messo in scena attraverso il personaggio di Lello, il portinaio, che crede di sapere tutto ma in realtà non conosce neanche l'italiano. L'analisi "sociologica" di Salemme, però, ha qualcosa di irritante: l'umorismo spiccio fa ridere poco il pubblico e, al contrario, può infastidire molto.

Quello di Una Festa Esagerata è un black humor che raramente troviamo in una pellicola italiana, eppure c'è qualcosa di non riuscito in questo copione.

Solo nel finale emerge la morale del film, ma non è abbastanza per farci rivalutare il girato.

Una commedia corale dal ritmo serrato, che riprende tanto dalla sua origine teatrale, sia nello svolgimento che nella scelta di location: i due appartamenti dei condomini protagonisti. Quello di Una Festa Esagerata è un black humor che raramente troviamo in una pellicola italiana, eppure c'è qualcosa di non riuscito in questo copione: vittima anche i dialoghi, serrati botta e risposta tra personaggi ignoranti e nevrotici. La donna single ne esce malissimo, come un'affamata di uomini, scemotta e credulona, che si innamora ossessivamente dell'inquilino del piano di sopra; in generale il ritratto delle donne non è proprio il massimo. Dopo 90 minuti di urla e italiano precario, lo spettatore esce frastornato e indispettito della visione di Una Festa Esagerata.

di Samantha Ruboni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo