LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Egon Schiele Recensione


Egon Schiele Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Ispirato al romanzo Tod und Mädchen: Egon Schiele und die Frauen di Hilde Berger, Egon Schiele è sceneggiato dalla stessa Berger insieme al regista Dieter Berner. Il pittore è una delle figure cardine dell’espressionismo austriaco: provocatorio, scioccante; per l’epoca in cui visse, la sua concezione artistica era estrema, al limite dell’inaccettabile.

Il film ci presenta Schiele (Noah Saavedra) come un giovane affascinante, dotato di una grande capacità di seduzione, attratto dalle donne e dal corpo femminile, senza il minimo freno inibitore, neanche per quanto riguarda l’età dei soggetti ritratti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3.0/5

Se la sua carriera inizia avendo come musa ispiratrice la sorella minore Gerti (Maresi Riegner), è con la modella Wally (Valerie Pachner) che l’artista raggiunge la propria maturità artistica, dipingendo capolavori come La morte e la fanciulla, esposto al Leopold Museum di Vienna. Nel percorso artistico ed esistenziale di Schiele, il rapporto con le autorità e le leggi, ma soprattutto con la morale comune, è costantemente di opposizione: accusato a più riprese di pornografa e persino di abuso di minore, l’artista continua per la propria strada senza accettare compromessi, sostenuto da pochi ma importanti estimatori come il grande Gustav Klimt, che in lui vedeva l’unico possibile successore.

Il film di Berner costruisce un racconto circolare, che inizia dall’ultimo periodo di vita di Schiele, morto giovanissimo, a 28 anni, per le conseguenze di una malattia insieme alla moglie Edith Harms, sua terza modella più importante. Dal letto di malattia Berner ci riporta alle origini del pittore per poi seguirne la storia secondo l’effettiva cronologia. Per quanto puntellata dai conflitti con l’autorità e con i sentimenti delle proprie modelle, la storia non prende particolarmente: complice una messa in scena un po’ piatta e una fotografia più televisiva che cinematografica.

La figura di Schiele viene rappresentata in modo coerente con la documentazione storica, ma non fa mai veramente breccia; i momenti di pathos, i contrasti che dovrebbero maggiormente suscitare emozioni - in particolare rispetto al rapporto con Wally, forse suo unico vero amore al di fuori della pittura - lasciano piuttosto freddi, sembrano mancare della capacità di dare espressione ai tormenti dell’artista al di là della loro mera espressione verbale. Artista geniale e uomo dall'etica discutibile, Schiele seppe essere interprete dei tormenti e delle nevrosi dell’Europa di inizio secolo; fino a quando lo scoppio della Prima Guerra Mondiale arrivò a condizionarne la ricerca e libertà artistica, portandolo a fare del dolore e del disagio esistenziale la cifra stilistica che lo ha reso immortale. Questo prorompente male di vivere, la nervosa rappresentazione di una realtà sentita come costrittiva e castrante, nel film è descritta, ma non trasmessa, rimanendo un racconto che interessa la testa ma non prende né il cuore né lo stomaco.

La figura di Schiele viene rappresentata in modo coerente con la documentazione storica, ma non fa mai veramente breccia.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo