Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Il libro di Henry Recensione


Il libro di Henry Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il terzo film di Colin Trevorrow è veramente uno strano ibrido. Fin da Safety not guaranteed, il regista si alterna tra la lavorazione di grossi blockbuster (Jurassic World e l'Episodio IX della saga di Star Wars, incarico, tuttavia, da cui è stato sollevato) e progetti intimistici e quasi invisibili.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Il libro di Henry appartiene alla seconda categoria. Questi primi film di Trevorrow si sono mossi tra industria e spirito indipendente e sono stati in grado di attirare l'attenzione di una larga fetta di pubblico specializzato, ma non solo. Guidato dall'influenza immaginaria di Steven Spielberg, nel suo ultimo film, Trevorrow dimostra il suo grande debito nei confronti del regista di Ready Player One.

Il libro di Henry è, prima di ogni altra cosa, un racconto di assenze e di storie oltre il normale che ci aspettano dietro l'angolo. L'undicenne protagonista è un piccolo genio che non tiene in considerazione le sue enormi potenzialità. Disegna tanto, trasforma i suoi numerosi progetti in creazioni effettivamente realizzate, studia poco, bada al fratellino e fa da genitore alla madre. Come se non bastasse, Henry dimostra anche un innato senso di giustizia, che lo porta ad essere visto come un piccolo cittadino modello all'interno della sua comunità di riferimento.

La regia e la fotografia, d'altronde, nella loro adesione all'estetica indie, sembrano più preoccupate dell'aspetto esteriore del film che di mettersi al servizio della coerenza del corpus narrativo.

C'è una cosa, però, che lo ossessiona in modo particolare: il ragazzino teme che una sua compagna di classe, con problemi nelle capacità di relazionarsi con gli altri, possa subire violenze da parte del padre. Henry si trasforma, quindi, in investigatore e dà avvio a una serie di azioni che avranno pesanti conseguenze per sé e per la sua famiglia.

Ciò che rende Il libro di Henry uno strano ibrido è l'indecisione riguardo al tono da abbracciare e alla strada da percorrere. Tutta la prima parte del film aderisce agli stilemi del dramma spielberghiano.

Il carattere totalmente sbalestrato di questa fase rasenta, a tratti, persino l'ingenuità. L'accumulo di situazioni mal sviluppate e di personaggi le cui motivazioni restano poco approfondite deflagrano pericolosamente l'equilibrio del racconto. Da un certo momento in poi, improvvisamente, il film assume le sfumature tipiche del genere thriller. Il repentino cambiamento di binario lascia interdetto lo spettatore e spezza irrimediabilmente la narrazione. La tela che Trevorrow stava costruendo viene forzata a causa dell'affastellamento di generi e linee narrative che non vengono mai ben amalgamate.

Anche la regia e la fotografia, d'altronde, nella loro adesione all'estetica indie, sembrano più preoccupate dell'aspetto esteriore del film che di mettersi al servizio della coerenza del corpus narrativo. In tal caso, la bellezza formale finisce per privare il film della carica emozionale di cui un racconto del genere avrebbe necessitato. E non c'è nulla di più grave che costruire un dramma familiare senza riuscire a stimolare empatia né, tanto meno, identificazione spettatoriale. Insomma, nel corso di un anno, tra il fallimento de Il libro di Henry e la fine prematura della sua relazione con Disney/LucasFilm, Colin Trevorrow potrebbe aver gettato al vento quanto di buono fatto fino a quel momento.

di Matteo Marescalco
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo