Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Senza Distanza Recensione


Senza Distanza Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

L’altra faccia dell’amore, quella lontana dal romanticismo più palpabile e dall’affetto tangibile, è raccontata da Andrea Di Iorio che, alla sua opera prima, azzarda. Al pari di un novello architetto, tesse trame e architetture sceniche imprevedibili, senza riferimenti spazio temporali.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 4/5

Colloca Mina ed Enzo – coppia protagonista della vicenda – all’interno di un bed & breakfast che sarà la loro zona franca. Lontano da ogni traccia, i due partecipano a un esperimento sociale: ogni camera dello stabile corrisponde a una città del mondo; appena entrati in una stanza si vivrà nel fuso orario di quel (non) luogo. Un’eclissi dei confini che piegherà i due innamorati a regole ferree da rispettare, paletti che diverranno terreno fertile per cementificare o affossare un sentimento.

Senza Distanza passa al setaccio i sentimenti più disparati, stravolgendoli e collocandoli in un luogo ameno per carpirne le modifiche e le evoluzioni. Andrea Di Iorio, all’esordio dietro la macchina da presa, resta affascinato dal mutare di singole suggestioni e convinzioni sociali in base a un cambiamento forzato degli equilibri. Sono le distanze il veleno dell’amore, oppure l’importanza che noi stessi diamo alla lontananza? Quest’interrogativo se lo pongono i protagonisti, che rispecchiano - in parte - una generazione. I trentenni, non-giovani del terzo millennio, si trovano al cospetto di scelte obbligate: carriera o amore? Spesso le due cose non sembrano andare di pari passo. Complice una serie di fattori indipendenti che si vanno a collocare in un puzzle d’incertezze: disoccupazione, congiuntura economica, scarsa fiducia nel sistema; la “generazione Erasmus” si trova costantemente dinnanzi a un bivio e non sa da che parte stare.

La narrazione non perde mai ritmo e credibilità, malgrado l’assenza di confini e punti fermi.

Scegliendo un sicuro futuro, un impiego certo altrove, si deve rinunciare – quasi sempre – a costruire un legame duraturo.

Proprio su quest’incompiutezza, l’opera di Andrea Di Iorio impernia vizi, virtù e provocazioni di una classe sociale cresciuta nello spaesamento, che per ritrovarsi è obbligata a un lavoro d’introspezione non richiesto. Niente è scontato se non lo scorrere del tempo, dettaglio non trascurabile, nonostante l’assenza di riferimenti. In quest’ “Isola che non c’è”, nell'atmosfera accogliente di un albergo, una storia d’amore potrebbe cementificarsi o sgretolarsi. Il reality show opposto alla cruda realtà, senza mezzi termini.

Senza, appunto, distanza.

La narrazione non perde mai ritmo e credibilità, malgrado l’assenza di confini e punti fermi. Tutto è in divenire, nessun segnale orario o transitorio; ogni cosa accade perché orchestrata da azioni e reazioni all’interno di meccanismi ben congegnati. Laddove, a una prima occhiata, il romanticismo sembrerebbe essersi smarrito in un motto di arrendevolezza, viene recuperato tempestivamente con immagini forti e passionali che restituiscono l’intensità dei rapporti umani e sentimentali che – per abitudine – sottopongono chiunque a una giostra di emozioni.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
40 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo