Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Nessuno come noi Recensione


Nessuno come noi Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Gli anni Ottanta, un decennio caratterizzato da cambiamenti storico-sociali, importanti non soltanto in Italia, fanno da cornice a storie d’amore travagliate e sentimenti contrastanti. Vincenzo, per gli amici Vince, è follemente innamorato della sua amica Caterina che, però, ha occhi soltanto per Romeo, un ragazzo arrogante e viziato.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

I tormenti adolescenziali non si placano con l’età adulta: l’insegnante Betty si innamora di Umberto, il padre di Romeo, scatenando una crisi coniugale.

Luca Bianchini presta nuovamente la sua penna – in qualità di scrittore e sceneggiatore – al cinema italiano. Dopo Io che amo solo te e La cena di Natale, torna per raccontarci uno spaccato di vita adolescenziale con l’aiuto di Marco Ponti e la regia di Volfango De Biasi.

A farla da padrone in Nessuno come noi è la componente passionale: l’amore torna protagonista grazie a un’operazione nostalgia. Il film riporta sul grande schermo gli intrecci narrativi della fiction, ridimensionando ogni evoluzione sentimentale nell’arco di un’ora e mezza. Tutto è più appetibile nel momento in cui vengono scelti gli anni Ottanta, in un richiamo al passato che restituisce serenità. Questo almeno è l’intento per un progetto dall'aspetto vintage, costruito su un asse temporale ricco di parallelismi che alimentano inevitabili paragoni fra ieri e oggi.

L’amore torna protagonista di un’operazione nostalgia che ha per oggetto gli anni Ottanta.

Ma il film diretto da De Biasi non gioca sui rimpianti o sui rimorsi. Piuttosto viviseziona i sentimenti, sottolineando come i medesimi meccanismi si ripetano in modo ciclico nonostante il progresso e i cambiamenti.

I sentimenti sono il pretesto per mettere in gioco le differenze sociali che riguardano le varie personalità del film, da quelle più agiate alle più umili; e il liceo sembra essere terreno fertile per determinati raffronti che andranno, passo dopo passo, a comporre l’assetto societario del futuro. Del resto la formazione di una classe dirigente, in un qualsiasi paese, parte dai banchi di scuola.

Nessuno come noi parla degli anni Ottanta, per evocarci la realtà dei nostri giorni. E lo fa con la delicatezza congeniale ai classici della commedia romantica, asciugando persino quell’atmosfera barocca e sdolcinata che avrebbe reso l’intera vicenda oltremodo pedante.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo