LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il signor P.T. Barnum proviene da una famiglia di umili origini: ha perso il padre quando era ancora un ragazzino ed è stato costretto a ingegnarsi per sopravvivere al freddo e alla fame.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Le sue condizioni non gli impediscono, però, di sposare la donna dei suoi sogni e costruire uno dei più grandi spettacoli circensi che il mondo di allora avesse mai visto. Barnum raggruppa nel suo teatro “freaks” (donne barbute, l’uomo più alto o più grasso del mondo, l’uomo più tatuato vivente, il ragazzo nano) da ogni parte d’America, poco importa che siano autentici o no, l’importante è regalare un sorriso. Mette insieme un improbabile team con la volontà di valorizzare le loro particolarità, mostrandole al pubblico americano con orgoglio.

Presentato come un vero e proprio musical, The Greatest Showman è la storia di un uomo venuto dal nulla, che realizza il tanto agognato American Dream, ma non senza qualche piccolo intoppo. Il circo in questo film non rappresenta il luogo dove poter essere se stessi solo per i reietti della società: è simbolo di libertà anche per Phillip Carlyle, giovane scapolo benestante che vede nell'impresa di Barnum la possibilità di abbandonare le convenzioni sociali che lo imbrigliano dalla nascita. Michael Gracey, regista australiano che fin ora si è occupato prevalentemente di spot pubblicitari, dirige un film che risulta imprudentemente frivolo sia nella scrittura che nel linguaggio. Forse adatto ai più piccoli, The Greatest Showman è stato pubblicizzato come una celebrazione del diverso. La questione, delicata, è trattata qui con superficialità e rischia a volte persino di essere ridicolizzata.

Presentato come un vero e proprio musical, The Greatest Showman è la storia di un uomo venuto dal nulla, che realizza il tanto agognato American Dream, ma non senza qualche piccolo intoppo.

Il film non chiarisce con precisione quanto questo tema sia importante per il protagonista, e quanto invece sia funzionale al puro successo dello show.

Anche le relazioni tra i personaggi sembrano sviluppate su cliché di linguaggio (quante volte devi inquadrare una sedia vuota per far capire che lui l’ha abbandonata?) e di sceneggiatura (era necessario mostrare come Barnum conquista sua moglie, essendo un’impresa semplice fin dall’inizio?). Qualche nota interessante ovviamente c’è, come ad esempio la “critica ai critici” che frequentano il teatro di Barnum e che lo apostrofano per la sua messa in scena farlocca: «Mr. Barnum non si vergogna del fatto che tutto ciò che lei vende sia finto?», «Un critico teatrale che non si diverte a teatro. Chi è più finto?»; seguono risate complici dal pubblico presente all’anteprima stampa.

Hugh Jackman conserva il suo carisma e dà il meglio nel canto e nel ballo. Anche Zac Efron emerge, dimostrandosi un performer all’altezza della presenza scenica dell’ormai rodato attore protagonista.

The Greatest Showman è un film che nelle tinte ricorda Big Fish - Storie di una vita incredibile e nel contesto Hugo Cabret, ma che fatica a reggere il confronto con queste due pietre miliari. In uscita il 25 dicembre, nel complesso sembra essere una visione più adatta ai bambini o a un pubblico in cerca di intrattenimento senza pretese; « A chi riesce a divertirsi», come dice Barnum in una battuta del film.

di Miriam Gregorio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
11 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo