Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Di Alexander Payne avevamo apprezzato Sideways, la divertente commedia su un addio al celibato celebrato fra i vigneti e le cantine della Napa Valley e, soprattutto, Nebraska, un delicatissimo on the road in bianco e nero di qualche anno fa. Logico quindi aspettarsi ottime cose da Downsizing - Vivere alla grande, ultima fatica del regista di Omaha, film d’apertura all’ultima edizione del Festival del cinema di Venezia.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 2.5/5

Purtroppo le aspettative sono in parte naufragate. Perché, se il film parte bene e pare anche divertente nella prima parte, a lungo andare assume toni moralisti che ne sviliscono le intenzioni e annoiano lo spettatore.

Downsizing - Vivere alla grande si apre con un prologo ambientato in un istituto di ricerca norvegese dal quale capiamo che siamo di fronte a una scoperta sensazionale che ci verrà svelata subito dopo, quando in un convegno di studiosi un flashforward ci rivela la scoperta di un procedimento per miniaturizzare qualsiasi organismo vivente, uomo compreso. La possibilità di rimpicciolire a 12 cm un uomo di un metro e ottanta di altezza potrà garantire la sopravvivenza del pianeta ormai al collasso per sovrappopolazione, inquinamento e sfruttamento energetico. Già una prima comunità di ambientalisti norvegesi ha deciso di farsi rimpicciolire per il bene dell’umanità, ritirandosi in un fiordo con la speranza di realizzare Utopia, la società ideale dove vivere in pace e armonia col mondo. Purtroppo, con il passare degli anni, la motivazione che spingerà molte persone sulla Terra a farsi miniaturizzare non sarà più la nobile causa dell’ambientalismo, bensì la possibilità di “vivere alla grande” (da cui il brutto sottotitolo italiano) ottenendo tutti gli agi e i lussi possibili spendendo somme davvero minime. Sarà questo che spingerà a rimpicciolirsi i coniugi Audrey e Paul Safranek (quest’ultimo interpretato da Matt Damon, la faccia perfetta per interpretare l’americano medio), oberati dai debiti e tuttavia desiderosi di avere la casa dei loro sogni nella piccola comunità di Leisureland (traducibile con “il paese dell’ozio”). Insomma un paradiso, quantomeno apparente, perché la favola offrirà risvolti amari.

Il film di Alexander Payne (che oltre a essere il regista è anche sceneggiatore insieme a Jim Taylor) è godibile nella prima parte, anche se il tema della miniaturizzazione dell’uomo non è un argomento nuovo al cinema e alla letteratura.

Usciamo dal cinema con il sapore amaro che ci lasciano in bocca le storie per le quali le aspettative iniziali non vengono mantenute.

Consente anche un approccio etico e morale all’utilizzo della scienza per scopi nobili e meno nobili (governi repressivi o dittatoriali miniaturizzeranno forzatamente i propri oppositori politici allo scopo di renderli inoffensivi). Tuttavia, col passare dei minuti la storia perde mordente nel tentativo – mal riuscito - di sviluppare troppi temi in contemporanea, lo sfruttamento ambientale e energetico, l’oppressione dei popoli, il problema dei migranti; questi ultimi, fra l’altro, nella città dei minuscoli dove tutti sono ricchi, continueranno a rimanere poveri, sfruttati e separati da un muro che ci ricorda tanto uno dei molti muri eretti allo scopo di isolare, non ultimo quello che Trump vuole installare fra Stati Uniti e Messico. Se poi aggiungiamo anche una vicenda d’amore con una profuga vietnamita senza una gamba, un vicino di casa di Paul godurioso e trafficante (non poteva che essere un serbo) e uno scambio di Bibbia nel finale, usciamo dal cinema con il sapore amaro che ci lasciano in bocca le storie per le quali le aspettative iniziali non vengono mantenute.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
40 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo