Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Una sveglia suona una mattina, annunciando l’innalzamento delle temperature estive, mentre una famiglia - padre, madre e figlio adolescente - si prepara al nuovo giorno. Poi l’estate lascia il posto alla neve e quindi alla primavera.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Poche ma efficaci riprese che raccontano lo scorrere del tempo, e della vita, sempre uguale. Sembra una storia di ordinaria quotidianità a Westchester, nello stato di New York. Sino al giorno in cui l’uomo, Michael Mac Cauley (Liam Neeson) assicuratore ed ex poliziotto, viene licenziato dall’oggi al domani dalla compagnia per la quale presta servizio. Michael, ormai senza lavoro e vicino alla sessantina, con i debiti e la famiglia da mantenere, tornando a casa sul solito treno di pendolari, viene avvicinato da una sedicente psicologa che lo sfida quasi per gioco - e in cambio di una cospicua somma di denaro - a identificare su quello stesso treno un viaggiatore che le avrebbe sottratto qualche cosa. Da questo momento in poi il film vira sul thriller e il gioco, apparentemente innocuo, finirà per coinvolgere Michael in una cospirazione criminale che lo porterà a rischiare la propria vita, insieme a quella dei passeggeri del treno e della propria famiglia. Una corsa contro il tempo per scongiurare la tragedia.

In bilico fra thriller e azione, L'uomo sul treno - The Commuter del regista Jaume Collet-Serra è un film claustrofobico, girato quasi interamente all’interno del treno in corsa. La macchina da presa si muove frenetica, indugiando solo qualche volta sui volti dei personaggi.

Un film che scorre via sempre uguale a se stesso, un po’ come i viaggi quotidiani e routinari dei pendolari.

C’è un richiamo forte al cinema di Alfred Hitchcock, sia per quanto concerne la storia, sia nell’ambientazione. Ci si aspetterebbe di conseguenza un film d’azione con una buona dose di suspense. Eppure alla pellicola di Jaume Collet-Serra, scritta da Byron Willinger e Philip De Blasi, manca qualcosa. Il film stenta sempre a decollare e le scene catastrofiche di maggior effetto (il deragliamento del treno) soffrono di una carenza adrenalinica che dovrebbe essere, al contrario, l’ingrediente principale di ogni action-thriller che si rispetti.

Per carità, non c’è nulla di veramente sbagliato ne L'uomo sul treno - The Commuter. Bella la fotografia, dialoghi non banali. Interessante anche l’intenzione di porre questioni morali sulla liceità «di accettare compensi economici a fronte di richieste apparentemente insignificanti ma di esito incerto», come spiega il regista. Ma l’impressione, giunti al capolinea, è quella di aver visto un film che scorre via sempre uguale a se stesso. Un po’ come i viaggi quotidiani e routinari dei pendolari.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
31 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo