Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Ghost Stories Recensione


Ghost Stories Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti
Videorecensione

Ghost Stories è un film che rende al massimo se visto sul proprio divano, al buio, magari nel cuore della notte, avvolti da un silenzio assoluto per godere appieno del meraviglioso meccanismo di tensione e paura che sapientemente inanella. Un meccanismo fragile al punto che, se visto al cinema con un pubblico sbagliato - che magari strilla per nulla o fa battutacce per stemperare la tensione - rischia di rompersi per sempre.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Ma in un habitat ad hoc, privo di qualsiasi distrazione o interferenza, diventa un'esperienza realmente terrorizzante: 98 minuti che tengono sempre (senza mai un secondo di cedimento o noia) lo spettatore sul filo del rasoio, in un mix di ansia, angoscia, tensione e paura. Sensazioni autentiche e difficilissime da trovare in un film dell'era post-James Wan, che infarcisce tutto con spaventarelli e bubusettete a buon mercato.

L’impostazione della storia è classicissima: lo scettico smascheratore di bufale paranormali Phil Goodman (Andy Nyman, anche co-regista e co-sceneggiatore, che si è fatto conoscere con un altro gioiello horror inglese, Dead set) viene ingaggiato per dare una spiegazione razionale alle disavventure di tre uomini che sostengono di avere avuto contatti con il mondo del soprannaturale. Goodman andrà a interrogarli, scavando nelle loro vite: i tre uomini racconteranno le proprie esperienze, e Ghost Stories si trasforma in un film a episodi tenuto insieme da una cornice più solida del previsto.

Il film è basato sull’omonima pièce teatrale, scritta e diretta a quattro mani da Andy Nyman e Jeremy Dyson: andata in scena per la prima volta nel 2010 a Liverpool, da quel momento in poi fu una sola, unica ascesa il cui successo portò inevitabilmente a pensare di adattare l’opera a film. E sono proprio Nyman e Dyson a occuparsi della tarsposizione, rimanendo sempre ben saldi alla guida del progetto. Sin dalla sceneggiatura i due infarciscono l’adattamento cinematografico con tutto il loro amore per il genere, calcando la mano soprattutto sull’aurea old school, a tratti un po’ gotica e lenta, altri ancora vagamente argentina; il film assume un aspetto contemporaneo e antico allo stesso tempo.

Un’opera ammaliante e rarefatta, pregna di un classicismo inglese che rievoca la Hammer Film, specialmente nel primo racconto. La fotografia scurissima, fatta di neri abissali, i silenzi prolungati tanto da risultare strazianti, la tensione che predomina sullo spavento facile. Ghost Stories è realmente un horror d’atmosfera, dove tutto è giocato esclusivamente su questo concetto e proprio per questo, se esso viene meno, l’intero film si infrange come un bicchiere di cristallo che cade per terra.

Un’opera ammaliante e rarefatta, pregna di un classicismo inglese che rievoca la Hammer Film, specialmente nel primo racconto.



Perciò cercate una sala tranquilla, magari poco frequentata, e godetevi lo spettacolo. Oppure aspettate e recuperate il film in home video, guardandolo da soli, nel cuore della notte, al buio.Anche casa vostra apparirà un luogo misterioso e infestato da presenze sovrannaturali. Parafrasando l’introduzione che Stephen King fa nel presentare il suo Le notti di Salem: «Spegnete tutte le luci lasciando accesa solo quella sulla vostra poltrona preferita. Parleremo di fantasmi, nella penombra.

Credo di potervi far credere che esistano davvero».

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
21 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo