LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Shirou Emiya è un grande tiratore con l'arco, ma a causa di un infortunio non può più esercitare. Ad aiutarlo a casa con le faccende, Sakura, la sorella minore del suo migliore amico.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

La sua vita continua in maniera ordinaria, fino a quando scopre di esser un mago: decide quindi di prender parte alla Guerra per il Sacro Graal, guerra che 10 anni prima aveva devastato la città di Fuyuki.

Primo capitolo della trilogia di animazione tratta dalla visual novel Fate/Stay Night, pubblicata da Type Moon, concepita da Kinoko Nasu e illustrata da Takashi Takeuchi, campione al box office in Giappone. Nel primo lungometraggio, dopo una prima mezz'ora di trama “romantica” alla Piccoli problemi di cuore, con una sigla da fine episodio anime, veniamo catapultati in un mondo che non ci è stato spiegato: le carte in tavola vengono completamente girate e scopriamo d'improvviso che il protagonista è un mago; ma non ci viene spiegato né il motivo scatenante né come abbia scoperto la cosa. Non vengono presentati i nuovi personaggi, che nella seconda parte sono citati senza che lo spettatore sappia chi sono, e non viene nemmeno presentato il nuovo mondo in compagnia del quale staremo nell'ora e mezza successiva (tutta la seconda parte). Di certo le immagini della sigla non sono abbastanza per far comprendere la storia a chi ne è a digiuno: in Giappone Fate/Stay Night sarà anche una serie famosa ma in Italia ai più non dice nulla. Per lo spettatore è un continuo scervellarsi a capire di chi o cosa si stia parlando, perdendo così il piacere del film e della sua trama. Nelle sale italiane solo il 13 e 14 febbraio, come primo appuntamento della stagione Anime al Cinema 2018, il lungometraggio è tecnicamente valido: un'animazione da anime standard viene brillantemente mixata a fondali e iterazioni di tecnologia 3D e iper-realista. La pecca è proprio l'enorme buco di trama che rende imprescindibile la conoscenza pregressa della graphic novel dalla quale il film viene tratto.

Un'animazione da anime standard viene brillantemente mixata a fondali e iterazioni di tecnologia 3D e iper-realista.

di Samantha Ruboni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
26 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Loz | 11:01 14/02/18

Il Film è rivolto solo a chi ha almeno visto la serie Unlimited Blade Works, tanto che pure il distributore italiano ha sconsigliato fortemente la visione a chi non conoscesse il materiale precedente. I personaggi non vengono presentati perché si dà per scontato che lo spettatore li conosca già. Ergo visionarlo (o recensirlo) da neofiti equivale a iniziare Star Wars dal terzo film della prima trilogia o a studiare le guerre napoleoniche senza aver mai sentito parlare della rivoluzione francese.

Segnala Rispondi

Nome in risposta a Loz | 23:30 14/02/18

Certo, ma per un primo capitolo una mancanza del genere è inammissibile. E non poter permettere a chi non è a conoscenza della saga di capire il film è un grave problema... soprattutto al di fuori del Giappone, dove questo tipo di manga non è conosciuto dai più

Segnala Rispondi

EgoFra | 22:30 22/02/18

Mi trovo in disaccordo. Non vado di certo a vedermi End of Evangelion o il terzo film di madoka magika senza aver visto le rispettive serie. La struttura è volutamente tale e non è un errore.

Segnala Rispondi

Kuma in risposta a Nome | 23:00 22/02/18

Questo film era fatto principalmente per i fan, non gli interessava ampliare il pubblico e l'hanno detto per mesi prima che uscisse "È la terza route".

Segnala Rispondi

COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo