LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Sono passati 80 anni da quando il nazismo ha messo al bando l'arte definita “degenerata”, con la mostra itinerante del 19 luglio 1937. Negli stessi anni erano iniziate le razzie di opere d'arte da parte di Hitler e Goering, ossessionati dall'accaparrarsi i pezzi migliori delle collezioni (private e non), tentando allo stesso modo di distruggere ogni traccia delle cultura ebraica.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Un interessantissimo e inedito documentario approfondisce una parte della nostra storia, mai veramente studiata a pieno. In sala solo il 13 e 14 marzo, Hitler contro Picasso e gli altri è un documentario di Claudio Poli che vuole evidenziare i due modi in cui il nazismo mise le mani sull'arte: tentando di distruggere ogni traccia di quelle opere definite "cosmopolite e bolsceviche" e attuando in Europa un sistematico saccheggio di arte antica e moderna. Con la mostra del 1937 a Monaco, itinerante in 12 città di Germania e Austria, vengono scelti i lavori delle correnti contemporanee non in linea con gli ideali di bellezza della propaganda nazista, esposta nella vicina Grande esposizione di Arte Germanica. Tra gli artisti all'indice Paul Klee, Oskar Kokoschka, Otto Dix, Marc Chagall, El Lissitzky. Da qui inizia il saccheggio di opere d'arte moderna e antica da parte di Hitler e Goering, che ha dato vita a una vera e propria rivalità tra i due, una corsa ad accapararsi il pezzo migliore. Le opere scelte da Hitler sarebbero divenute il nucleo originario per la nascita del, mai completato, Louvre di Linz: un museo ideale che avrebbe trovato sede nella città natale del Fuhrer. Le opere scelte da Goering, invece, divennero parte della sua collezione privata, conservata in una proprietà nella campagna berlinese: Carinhall.

Un'occasione di studio per questo particolare fenomeno, un film che ci permette di fare il punto su ciò che è il tesoro trafugato dai nazisti.

I soldi per gli acquisti provenivano dalle vendite in asta delle opere di arte “degenerata”, che provenivano dai musei dei territori occupati o da collezionisti ebraici, tra cui i Rosenberg e i Goudstikker.

Sono storie che si trascinano fino al nostro contemporaneo, per questioni di lasciti ed eredità riguardanti opere ingiustamente sottratte. Caso emblematico è il caso di Cornelius Gurlitt, figlio ed erede di Hildebrand Gurlitt, uno dei mercanti d'arte più vicino al regime, che nel 2010 è stato trovato su un treno diretto a Monaco con 9.000 euro in contanti. Da qui iniziarono le indagini che scoprirono più di 1.500 opere dichiarate scomparse, per lo più di artisti “degenerati”.

Sicuramente sono storie inedite, avvincenti e commoventi, che ci fanno sempre più apprezzare la ricerca e la passione per l'arte.

Il documentario prende spunto nello specifico da 4 mostre – Arte degenerata del 1937; Gurlitt: Status Report del 2017; 21 rue La Boètie del 2017; Looted Art -Before, during and after WWII, sempre del 2017 – che diventano occasione di studio per questo particolare fenomeno del periodo nazista e ci permettono di fare il punto su ciò che è il tesoro trafugato. Il tutto viene narrato da un perfetto Toni Servillo, che rende le storie ancor più affascinanti e intriganti, e dalla musica di Remo Anzovino.

di Samantha Ruboni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo