Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Dark Night Recensione


Dark Night Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dark Night è un film sorprendente, ambizioso e difficile. Racconta un episodio sanguinoso di cronaca nera della recente storia americana: quello in cui, nel luglio del 2012, alla prima cinematografica del film Dark Knight Rises, in Italia Il cavaliere oscuro - Il ritorno, durante la proiezione di mezzanotte un giovane uomo, mascherato da Joker, lanciò gas lacrimogeni e sparò sugli spettatori.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Dopo il massacro della Columbine High School del 1999, questo di Aurora fu in America l’attentato che causò il maggior numero di vittime in un’unica sparatoria: persero la vita dodici persone, fra cui donne incinte e bambini; molti altri furono feriti gravemente.

Ma il film di Tim Sutton non mostra nulla di tutto questo. Ed è bene saperlo, prima di entrare in sala. Se avesse raccontato in modo canonico, la vicenda del giovane James Holmes, che calcola e decide il massacro, probabilmente sarebbe stato la descrizione di una fatalità, di una follia omicida, con protagonista il “solito” psicopatico bianco americano. Tim Sutton decide di non intraprendere neppure la strada del documentario, che era stata scelta da Michael Moore in Bowling a Columbine. Dark Night racconta solo attraverso le immagini - grazie alla raffinata ed eloquente fotografia di Helene Louvart - e affida ai suoni e alle musiche della cantautrice canadese Maica Armata il compito di spiegare l’inspiegabile: il contesto in cui si formano la follia e l’orrore.

E il risultato è un vero film dell’orrore, che magicamente riesce a non mostrare una sola goccia di sangue, eppure ad essere violentissimo. Un continuo senso di ansia e angoscia attanaglia lo spettatore, che sa che qualcosa di terribile sta per accadere ma ignora da dove la minaccia arriverà, chi sarà l’autore del massacro.

Un vero film dell’orrore, che magicamente riesce a non mostrare una sola goccia di sangue, eppure ad essere violentissimo.

Le possibilità sono molte: un reduce di guerra, abbandonato a se stesso, senza aiuto, incapace anche di abbracciare il figlio di pochi anni? Un ragazzo ossessionato dai videogiochi, protetto dalla mamma, il cui unico amico è virtuale? Un’aspirante attrice scontenta del suo aspetto fisico? Un altro ragazzo, ricco, disadattato, appena lasciato dalla fidanzata? Nessuno è immune dalla follia, dal disagio sociale, dalla solitudine. E tutte queste persone hanno la possibilità di avere una pistola o un fucile. Le armi, oliate con cura, adoperate al poligono di tiro, sono mostrate in tutta la loro pericolosità, inaudito potenziale di morte; sono oggetti osceni, emettono suoni terrificanti e potenti, sono le vere protagoniste e i veri colpevoli.

Le immagini del film sono rallentate e in questa lentezza emerge la verità delle cose, la loro reale natura. Le parole dei protagonisti, in interviste immaginarie, sono contraddittorie, stentate, confuse, come lo è la loro mente, frutto di una società che mette pressione e manda troppi messaggi, spesso sbagliati.

Il senso di lutto e di terrore è accentuato dall’immagine lugubre e ricorrente del lampione nero, nuovamente la rappresentazione di un oggetto, simbolo del luogo della strage. Dark Night spiazza lo spettatore con una narrazione atipica e rallentata ma riesce benissimo a trasmettere il messaggio di confusione, isolamento e deriva di una società nella quale noi potremmo essere le vittime, ma anche i carnefici.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
70 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo