Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Vengo anch'io Recensione


Vengo anch'io Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Maria, appena uscita dal carcere, vuole andare a Brindisi per vedere la finale di canottaggio a cui partecipa la figlia Lorenza (Cristel Caccetta). Sulla strada incontra Corrado, aspirante suicida, che viaggia con Aldo, ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger di cui era l'assistente sociale.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Costretti a fare il viaggio insieme, attraverseranno la Puglia fra mille equivoci e peripezie, obbligati a confrontarsi con il loro passato che riaffiora e il diritto ad un'insperata felicità.

Vengo anch'io si presenta come un road movie, ma è molto di più: l'opera prima della coppia comica composta da Corrado Nuzzo e Maria Di Biase è fortemente ironica, a tratti cinica, parecchio dissacrante e anche un po' politica (parola dei registi). Medusa Film si affida ancora una volta a comici del piccolo schermo (che hanno preso parte separatamente anche ad altri film italiani): far sorridere partendo dalle disfunzioni sociali non è un'utopia, diventa possibile nel Salento grazie a una coppia - sulle scene e nel quotidiano - capace di reinventarsi dai canoni che l'hanno resa celebre. Troviamo dialoghi pungenti e battute sferzanti che danno leggerezza; c'è un buon lavoro di scrittura e una storia solida. Niente è scontato, specialmente quando dei comici dal palcoscenico televisivo arrivano al cinema: solitamente si preferisce andare sul sicuro e costruire loro una perenne confort zone in cui muoversi abilmente; è già successo con altri colleghi della coppia pugliese (ad esempio gli Arteteca in Vita, cuore, battito).

Stavolta, si vuole aggiungere pepe e curiosità ai soliti ingranaggi e dentro un camioncino cominciano ad animarsi differenti suggestioni. Stazione dopo stazione, casello dopo casello, si affrontano, lungo le soste, i problemi e le perplessità di tre personaggi che, in fatto di sfortuna, è come se fossero una persona sola: ripartire non diviene soltanto un concetto legato ai motori e alle canoe ma anche all'esistenza altalenante di individui giudicati "inadatti" dalla società civile.

Il grande pregio di questo film, poi, risiede nell'impresa ardua di essere riusciti a ridere della disabilità: portare al cinema la sindrome di Asperger e, soprattutto, utilizzarla per dar vita a gag e risate non era semplice.

Il grande pregio di questo film risiede nell'impresa ardua di essere riusciti a ridere della disabilità: portare al cinema la sindrome di Asperger e, soprattutto, utilizzarla per dar vita a gag e risate non era semplice.

Perlomeno in un contesto dove la sensibilità di determinate situazioni avrebbe potuto essere urtata facilmente. Nuzzo e Di Biase hanno dato credibilità a tutto questo con un'adeguata preparazione che ha reso divertente una situazione apparentemente spiacevole e differente dalla consuetudine, senza trasformarla in una banale parodia. Anzi, ridendo dei difetti del giovane Aldo (interpretato da Gabriele Dentoni), abbiamo forse l'opportunità di porre l'accento su un mondo ancora inesplorato come quello che tratteggia Asperger.

Le risate ci sono anche grazie ai camei di Ambra Angiolini, Vincenzo Salemme, Alessandro Haber, Aldo Baglio.

Gli scenari salentini del brindisino, infine, offrono poesia e avventura alla vicenda. I due registi, in conferenza stampa, hanno dichiarato che se il film dovesse andare bene, dopo anni di convivenza, convolerebbero a nozze. Nel complesso, potrebbero già preparare le fedi e il bouquet, con buona pace della produzione.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
50 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo