Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Venom Recensione


Venom Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Sin dal suo annuncio, il film in solitaria di Venom è stato guardato con scetticismo dai fan per due motivi. Il primo è la produzione targata Sony, detentrice dei diritti cinematografici dell’universo di Spiderman che già aveva toccato il fondo con il dittico di Mark Webb (anche se, onestamente, The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro non era poi così inguardabile).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Il secondo è legato al fatto che l’Uomo Ragno è ora in co-gestione con i Marvel Studios e pertanto non sfruttabile in un film “parallelo”, il che ha portato alla doverosa domanda: è possibile raccontare uno dei più noti nemici dell’arrampicamuri senza di lui? La risposta – evidente, dato che la pellicola è in sala – è sì.

Che Venom sia un buon film è discutibile anche senza tirare in ballo 25 anni di fumetti, origini stravolte e analisi dei comics. Perché questa storia del tradimento del materiale d’origine è una scusa per fare polemica gratuita solo se qualcosa non funziona sullo schermo... dove è ovvio che alcune cose vadano modificate per adattarle al meglio a un linguaggio diverso! Da che mondo è mondo gli adattamenti tradiscono, ma se lo fanno bene a volte funzionano meglio della controparte cartacea. E i nerd è meglio che si mettano l’anima in pace perché ormai le persone che pagano un biglietto sono molte di più di quelle che pagano un fumetto. Detto ciò Venom è un film mediocre non perché è diverso dal fumetto, ma perché è stato scritto e girato in modo approssimativo: le scene d’azione sono troppo confuse, al punto da mancare quasi di coerenza narrativa.

Eddie Brock è un reporter d’inchiesta che si mette contro a un magnate di un azienda farmaceutico/aerospaziale, il quale gli distrugge in tempo zero vita privata e carriera. Senza più nulla da perdere, Eddie si intrufola nei laboratori e viene accidentalmente infettato da una creatura simbiontica aliena.

La sceneggiatura di Venom è una storia di origini tagliata con l’accetta, che ricalca i canovacci dei cinecomics di anni ’90/inizio 2000: ma che male c’è a rifarsi agli archetipi e riciclare un certo tipo di cinema del passato? Il dramma semmai risiede nella scrittura svogliata di alcune scene (il pigro dialogo iniziale) e nei personaggi (quello di Michelle Williams su tutti, che definire monodimensionale è un complimento); oltre al fatto che nessuno di essi ha un arco narrativo o anche solo una minima evoluzione nel corso della storia. Non vi è alcun approfondimento psicologico e tutto rimane a un livello quasi infantile, dove le cose accadono perché devono accadere, ma spesso non c’è una logica coerente dietro le azioni dei personaggi.

Ciò che funziona è Tom Hardy, con la sua caratterizzazione del personaggio, il suo sguardo impallato, il suo fare stralunato, la recitazione costantemente sopra le righe: riesce da solo a sopperire alle lacune di sceneggiatura.

Tom Hardy funziona da solo, con la sua caratterizzazione del personaggio, lo sguardo impallato, il fare stralunato, la recitazione costantemente sopra le righe: riesce da solo a sopperire alle lacune di sceneggiatura.

Funziona bene anche la dinamica tra lui e il simbionte, che ricorda quella dei buddy-movie più riusciti, sfoderando alcune one-line che riescono a far ridere di gusto. E soprattutto funziona in Venom una CGI non così pessima come molti sostengono; funziona sia il suo design come “ameba spaziale” sia quando si fonde con il proprio ospite dando vita all’iconica creatura. Grosso, nero e sbavante quanto ci si aspetta, ma un personaggio dalla natura così marcatamente horror non può venir ridicolizzato dalla scelta del PG-13.

Non c’è sangue in Venom, nemmeno una goccia per sbaglio! E come fa a non esserci sangue quando la caratteristica principale del protagonista è staccare le teste a morsi? Una scelta di questo tipo non fa altro che fiaccare il film, nascondendo le scene più gustosamente splatter fuori campo, frustrando di continuo lo spettatore. La scena a metà dei titoli di coda è una succulenta (e sanguinaria, perciò invochiamo il rating R) promessa per il sequel, nella speranza che la Sony trovi un po’ di grinta e coraggio per mantenerla.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
81 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo