LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Io sono Tempesta Recensione


Io sono Tempesta Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In Io sono Tempesta, ultima fatica di Daniele Luchetti, il protagonista è Numa Tempesta (Marco Giallini), un finanziere romano che gestisce un fondo da un miliardo e mezzo di euro, vive in un enorme albergo di lusso vuoto e ha un progetto: la costruzione di una città nella pianura fredda e sconfinata del Kazakistan. Purtroppo per lui questo sogno sembra infrangersi quando una vecchia condanna per frode fiscale viene resa esecutiva.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.0/5
Voto utenti: 3/5

Costretto a scegliere fra la galera e i servizi sociali, Tempesta non ci pensa un attimo e accetta di trascorrere un anno presso un centro di accoglienza per senza fissa dimora, gestito da Angela (Eleonora Danco), una giovane suora laica che tenta di redimerlo. Lui si presenta ogni mattina, vestito come un figurino, su una Maserati guidata dal suo autista. Fra gli ospiti della casa di accoglienza c’è Bruno (Elio Germano), che ha perso moglie, casa e lavoro e con un figlio a carico, Nicola, che lo accompagna sempre nella sua vita da clochard. Intorno a loro si muovono vari personaggi, italiani ed extracomunitari, che rappresentano le varie tipologie di disperati che abitano al giorno d’oggi l’Italia.

Io sono Tempesta si vorrebbe inserire nella grande tradizione della commedia italiana, con personaggi disegnati spesso in maniera grottesca per evidenziare i vizi e le contraddizioni della nostra società. Impossibile non associare Numa Tempesta, condannato ai servizi sociali, a Silvio Berlusconi. Difficile non identificare in Bruno uno dei tanti italiani che, da una vita normale, si ritrovano, improvvisamente, sull’orlo del precipizio. Purtroppo il film di Daniele Luchetti, che si avvale della bella fotografia di Luca Bigazzi e delle ottime interpretazioni di Elio Germano e Marco Giallini, pur iniziando in maniera promettente si perde ben presto per strada.

Un film che arranca nel tentativo di descrivere uno spaccato dell’Italia di oggi e che ci spiega, con un linguaggio molto elementare, come in Italia, ad arricchirsi siano sempre loro, i furbetti. Come se già non lo sapessimo.

Le situazioni diventano sempre più paradossali, ci si rende conto che le psicologie dei vari personaggi, ingessati nei loro stereotipi, sono di grana grossa. Alcune caratterizzazioni sono imbarazzanti, come, ad esempio, la figura del padre di Tempesta che ha sempre sminuito il figlio traumatizzandolo nel proprio inconscio; oppure le tre ragazze che di giorno studiano psicologia e di notte tentano di soddisfare sessualmente Numa e, non riuscendovi, lo psicanalizzano con quattro nozioni imparate a memoria. Ridondante la scena in cui Nicola percorre i lunghi corridoi deserti dell’hotel di Numa su una macchinina: citazione inutile e fuori luogo di Shining.

Elio Germano, pur confermandosi come uno dei migliori attori italiani del momento, si perde in un personaggio che vorrebbe dare l’idea del dramma che un tracollo economico può provocare. Irritante la figura di Angela, che predica empatia fra gli ospiti della casa di accoglienza.

Per non parlare del finale, che ovviamente non sveliamo, ma che rappresenta la degna conclusione di un film decisamente sbagliato. Insomma, un’opera di cui non si sentiva la necessità. Un film che arranca nel tentativo di descrivere uno spaccato dell’Italia di oggi e che ci spiega, con un linguaggio molto elementare, come in Italia, ad arricchirsi siano sempre loro, i furbetti. Come se già non lo sapessimo.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo