Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Hotel Gagarin Recensione


Hotel Gagarin Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Simone Spada, al suo secondo lungometraggio dopo Maìn - La casa della felicità del 2012, sceglie una commedia corale ambientata nell'innevata Armenia. Il brillante Tommaso Ragno, appena visto in Lazzaro Felice, interpreta il produttore cinematografico di quart'ordine Franco Paradiso, che viene invitato da un politico, anch'esso improvvisato e corrotto, a organizzare una vera truffa: dovrà trovare una manciata di disperati e accroccare una troupe cinematografica per andare a girare un film in Armenia, ma non appena avranno avuto il finanziamento dei fondi europei per il cinema, il produttore fuggirà col malloppo.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Franco Paradiso inizia a reclutare, letteralmente, a casaccio: Sergio (Luca Argentero), un fotografo di matrimoni dipendente dalle droghe; una prostituta dai grandi occhi infantili (Silvia d'Amico) come attrice protagonista; un tecnico del suono trovato in un bar (Claudio Amendola), Nicola (Giuseppe Battiston), un idealista professore di storia aspirante regista e autore del soggetto del film; la complice Valeria (Barbora Bobulova), che parla armeno e dovrà accompagnare i malcapitati in qualità di organizzatrice. Ma non appena arrivati a destinazione, nel paese scoppia la guerra e i nostri malmessi eroi rimarranno isolati nel fatiscente ma attrezzato Hotel Gagarin, immerso fra interminabili distese di neve. Proprio allora arriva la notizia che il produttore li ha truffati e che il film non si farà più.

Da un sogno infranto nascono tanti nuovi, piccoli sogni. Da un gesto gentile, ne scaturiscono a catena tanti altri. E arriva la speranza, la felicità, torna la voglia di vivere. Qui sta l'idea più bella, poetica e riuscita del film: i cinque derelitti iniziano ad aiutare la gente del paese, grazie ai mezzi cinematografici a disposizione, a realizzare i propri sogni: chi si vede cowboy, chi ballerina, chi novello Jurij Gagarin a fluttuare nello spazio. Simone Spada ha idee bellissime, amabilmente naif, ma per spiccare il volo forse potrebbe osare di allontanarsi, almeno un po', dai sentieri scontati e battuti della finzione televisiva, della gag scatologica, dalle simmetrie amorose per far contento il pubblico.

Da un sogno infranto nascono tanti nuovi, piccoli sogni. Da un gesto gentile, ne scaturiscono a catena tanti altri. E arriva la speranza, la felicità, torna la voglia di vivere.

Insomma, allontanarsi dal banale. Hotel Gagarin è una commedia piacevole, divertente, visionaria romantica, nella quale si avverte la malinconia di un paese, l'Italia, che quasi nessuno ama più; dal quale ci si vorrebbe allontanare perchè si è rimasti delusi. La soluzione sta nel ritrovare la propria umanità, e per capirlo meglio è necessario allontanarsi: perchè, come disse il cosmonauta Gagarin, «la Terra vista dallo spazio è un posto senza frontiere né confini».

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo