Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Creed II Recensione


Creed II Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Rocky IV è stato un capitolo emblematico nella saga del pugile di Philadelphia: Ivan Drago, avversario supremo, era la montagna da scalare per vendicare un amico e consacrarsi mito della boxe per lo Stallone Italiano. Tre decenni dopo l’epico scontro, Rocky (Sylvester Stallone) e Ivan (Dolph Lundgren) si trovano nuovamente faccia a faccia, ma questa volta nelle vesti di mentori, rispettivamente per Adonis Creed (Michael B.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Jordan) e Victor Drago (Florian Munteanu). Dagli eventi raccontati in Creed è passato del tempo: Adonis è il campione del mondo, la sua compagna Bianca (Tessa Thompson) aspetta una figlia e tutto sembra andare per il meglio; ma il ragazzo è in crisi d’identità, incapace di uscire dal ruolo di "figlio di Apollo Creed" (Carl Weathers) per costruire la propria personale leggenda. Nel mezzo di questa crisi piomberà la sfida di Victor, cresciuto nella rabbia e nell’odio, fermentati in una vita da paria, vissuta al fianco di un padre sconfitto e mai perdonato dalla Madre Russia. Steven Caple Jr è il regista al timone di un sequel tanto prevedibile da ipotizzare, quanto rischioso da realizzare: il confronto non è solo con l’illustre predecessore cui rimanda, ma anche con lo stesso Creed, un film che ha dimostrato di stare bene in piedi sulle proprie gambe, omaggiando la saga di Rocky senza rimanerne schiacciato.

La costruzione di questo secondo capitolo procede in modo molto simile a Rocky IV, condensando però le figure di Apollo e Rocky nel solo Adonis, con Michael B. Jordan ormai pienamente calato nel ruolo e Sylvester Stallone sempre efficace nel rendere l'ex-campione (che del suo passato rimpiange solo la moglie Adriana e che non trova il coraggio di chiamare il suo stesso figlio al telefono). Dall’altra parte della barricata, Ivan e Victor sono una coppia tragica nella loro sopportazione stoica delle privazioni e del dolore di una vita vissuta ai margini, dopo un breve periodo di notorietà e rilevanza internazionale. Victor è un avversario brutale, possente e rabbioso, portato sullo schermo dal massiccio Florian Munteanu, in modo simile a quanto fatto da Tom Hardy in Warrior; simile a Warrior è anche la psicologia del personaggio, con motivazioni comprensibili e una rabbia che esprime soprattutto il dolore dato dall’abbandono da parte della madre (Brigitte Nielsen).

Lo sviluppo della trama di Creed II, non solo per chi conosce bene la saga di Rocky, è certamente prevedibile; ma la classica evoluzione della caduta e del riscatto è qui composta in maniera più che godibile, dando ampio spazio a sentimenti e condizioni psicologiche che si alternano a confronti sul ring curati ed entusiasmanti.

Creed II, come il primo capitolo, contribuisce a rendere la saga capace di costruire una propria identità, rendendosi autonoma e affiancandosi al ciclo di Rocky.

I rimandi a Rocky sono puntuali ma misurati.

La filosofia del film è interessante. A dispetto di quel che si potrebbe pensare, non è la vendetta a muovere Adonis (quella molla è più vera per Ivan Drago, che almeno inizialmente fa di Victor il suo personale strumento di redenzione): Creed II ha un’impostazione per molti versi più egoistica ma anche più reale. Adonis cerca se stesso e la propria affermazione.

Il confronto con il padre lascia in fondo un po’ il tempo che trova: la spinta ad eguagliarlo, o anche a superarlo, non è sufficiente a dire al ragazzo chi sia davvero, per cosa combatta. E in questo Adonis è più simile a Balboa che al genitore, cementando ancora di più il legame che unisce allievo e maestro. In definitiva Creed II, come il primo capitolo, contribuisce a rendere la saga capace di costruire una propria identità, rendendosi autonoma e affiancandosi al ciclo di Rocky piuttosto che rimanerne strettamente succube.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
30 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo