Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Denzel Washington torna a vestire i panni di Robert McCall, in passato agente segreto, che vive a Boston e si guadagna da vivere facendo l’autista. Ma gli istinti si riaccendono non appena l’amica Susan viene incaricata delle indagini su un suicidio che potrebbe essere omicidio.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Le difficoltà del caso, assieme allo zampino di Dave York – collega di vecchia data – spingeranno nuovamente McCall a mollare il volante per riprendere in mano la pistola.

Primo sequel nella carriera professionale di Washington, forse non è un caso che dopo tanti anni l’attore abbia scelto di misurarsi due volte con lo stesso personaggio. La morfologia di McCall, in questo secondo capitolo, The Equalizer 2 - Senza perdono, è duplice: uomo spensierato con una cultura superiore alla media da una parte e agente segreto in pensione dall’altra. Se i cult di categoria ci hanno insegnato quanto personaggi simili possano attecchire sul pubblico (pensiamo per un attimo a Danny Glover in Arma Letale, fedele servitore dello Stato americano a un passo dalla pensione che, però, non rinuncia a mettersi in gioco quando serve), l’opera di Antoine Fuqua dimostra come la validità di determinati meccanismi narrativi possa rafforzarsi dinnanzi a una spinta motivazionale. McCall, in questo frangente, potrebbe tranquillamente dedicarsi alla routine. Continuare a vivere una vita tranquilla. E invece il passato torna prepotentemente a bussare alla sua porta e l’attore statunitense riparte da questo personaggio, da dove l’avevamo lasciato, con qualche interrogativo in più.

Se il primo capitolo serviva a dimostrare le potenzialità di un uomo estrapolato dalla propria routine, il secondo stabilisce quanto lo stesso uomo possa dover tornare sui suoi passi per rielaborare questioni in sospeso con le quali non sempre è riuscito a convivere.



Fuqua, stavolta, arricchisce il bisogno d’azione con il risvolto psicoanalitico della vendetta: il protagonista non tende a farsi giustizia da solo, né tantomeno vuole assurgere allo status di risolutore, ma ha la consapevolezza – senza risultare borioso – di essere indispensabile. Allora, con queste premesse, siamo pronti a rivivere quegli aspetti non approfonditi nel primo episodio della saga (come, ad esempio, il destino della moglie di McCall).

Il coefficiente di violenza, dunque, resta piuttosto alto. In aggiunta, però, è possibile notare come gli spargimenti di sangue e le scene più cruente siano mirate.

Se è possibile, Denzel Washington è uno dei pochi attori in grado di fornire una contestualizzazione alla veemenza. Robert, il suo personaggio, agisce in un determinato modo per necessità quasi, non per compiacimento. Fino a far emergere la figura di un vendicatore morale, in grado di rimettere le cose a posto nell’unico modo possibile: nessuna violenza gratuita, quindi, ma solo tanta abnegazione verso quell’ideale utopico di rettitudine. Seppur questo implichi, per buona parte del girato, dover ricorrere a mezzi non sempre leciti. Non c’è un nemico comune, ma tanti piccoli avversari da fronteggiare su più campi che spingono il protagonista a porsi di volta in volta in maniera diversa. Numerosi cambi di fronte rendono l’opera molto scorrevole e dinamica al netto di esigui espedienti narrativi. E se il primo capitolo serviva a dimostrare le potenzialità di un uomo estrapolato dalla propria routine, il secondo stabilisce quanto lo stesso uomo possa dover tornare sui suoi passi per rielaborare questioni in sospeso con le quali non sempre è riuscito a convivere.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo