LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Terrifier Recensione


Terrifier Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

C’è autentica passione dietro un film come Terrifier. Indubbiamente la passione che Damien Leone (regista, sceneggiatore, artista del make-up e degli effetti speciali pratici) nutre per questo genere – lo slasher ovviamente, quello più cattivo, sadico, violento e sanguinario che ci sia – e poi, forse in misura ancor più grande, la passione che ha per il suo personaggio-pupillo: Art il clown.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Già, perché questo inquietante pagliaccio è un vero e proprio fil rouge della sua filmografia, che compare in 4 delle 5 opere (tra lungometraggi e corti) dirette da Leone. Nel suo corto d’esordio, The 9th circle, Art si materializza nella sala d’attesa di una stazione e inizia a infastidire una ragazza; per lei sarà l’inizio di una discesa nell’Inferno.

Nel 2011, tre anni dopo, Leone dirige il suo secondo corto: Terrifier. L’indiscusso protagonista è ancora Art il clown, qui all’inseguimento di una donna che l’ha visto commettere un’omicidio. Successivamente Damien Leone debutta alla regia del lungometraggio All Hallows’Eve, storia di una babysitter che trova un vecchio VHS su cui sono registrati strani episodi (due dei quali sono proprio The 9th circle e Terrifier) con cerature soprannaturali, tra cui uno spaventoso pagliaccio. Un indizio: non è Pennywise. Terrifier è la glorificazione di Art il clown: mira a proiettarlo nel firmamento dei killer/maniaci/mostri dello slasher come nuova icona del genere.

Durante la notte di Halloween, Art perpetra il suo sanguinario massacro falciando ogni persona che intralci il suo cammino. Non ci sono storie sull’origine del mostro, trame articolate, noiose introspezioni o posticci colpi di scena; la trama è scarna, elementare, un puro showcase in cui il pagliaccio fa sfoggio di tutta la sua crudeltà.

Uno slasher in pieno stile anni ’70: sporco, esagerato, grondante sangue ed effetti speciali pratici, che sfoggia una serie di efferatezze estreme molto succulente per gli amanti del genere.

Immagini, atmosfera e omicidi sono il punto di forza del film. Basta l’inizio, quando Art entra in una pizzeria e si siede, per capire la potenza enorme del personaggio. Non fa assolutamente nulla, a parte starsene per i fatti suoi, ma questa presenza carica la scena di una tensione più inquietante dell’intero minutaggio di Pennywise in It.

Ma con un personaggio così carismatico era anche importante trovare il giusto tono, centrando l’equilibrio tra una buona dose di compiacimento splatter, il rispetto reverenziale per lo slasher crudo degli albori e la componente caricaturale/metafilmica che caratterizza il sottogenere da ormai un ventennio e ha anche stufato (ogni riferimento alla saga di Hatchet è puramente casuale). Questi elementi, amalgamati alla perfezione, fanno di Terrifier uno slasher riuscito e originale proprio perché gli stilemi classici vengono omaggia senza mai essere derisi.

Anzi, c’è una scena che prende in giro la saga di Saw platealmente.

Terrifier è a tutti gli effetti uno slasher in pieno stile anni ’70: sporco, esagerato, grondante sangue ed effetti speciali pratici, che sfoggia una serie di efferatezze estreme molto succulente per gli amanti del genere. Proprio in questo suo sadico compiacimento trova alcuni punti in comune con Headless: ma al contrario del film di Arthur Cullipher, che aveva nella violenza malata del suo maniaco il fulcro della narrazione, Damien Leone gioca molto di più con tensione, paura e inquietudine. Il risultato è un film sopra le righe su diversi fronti, con un’impennata soprannaturale nel finire (forse la sola nota stonata) che però assume maggior senso dopo aver visionato i due cortometraggi citati in apertura, che contestualizzano Art come un demone infernale. Meraviglioso, ma per cultori.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo