Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dopo la morte di sua madre, Aja, giovane illusionista di Mumbai, decide di partire per Parigi con l’intento di rifarsi una vita ed esplorare il nuovo mondo. Magari riuscendo persino a incontrare il padre mai conosciuto.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Questo viaggio rappresenterà per il ragazzo la svolta: le (dis)avventure vissute lontano da casa gli permetteranno di affinare ogni qualità illusoria. Ma la vera e propria magia si compie quando viene fuori la voglia e il coraggio di rimettersi in gioco. L’incredibile viaggio del fachiro è tratto dall’omonimo romanzo di Romain Puertolas, scrittore francese, che recita anche un cameo nel corso del film. L’opera si basa su un pretesto, quello del viaggio, che porta un ragazzo a riscoprire se stesso. Aja, protagonista della vicenda, viaggia così come viaggia la vita: senza ritorno e, quasi sempre, senza una meta ben definita. E anche il film attraversa località in lungo e in largo con l’intento di scavare nel vissuto di un uomo che incarna una generazione, quella costretta a migrare verso un domani incerto che resta comunque migliore della quotidianità. L’illusionista va in cerca di suo padre, dopo aver perso la madre, per ritrovare il bandolo della matassa intricata che è stata la sua esistenza e cercare di mettere un punto.

La componente dell’illusionismo gioca a favore di un film che ha un buon ritmo (come del resto il romanzo da cui è tratto) e che mette in relazione diverse culture e altrettanti modi di pensare.

La componente dell’illusionismo gioca a favore di un film che ha un buon ritmo (come del resto il romanzo da cui è tratto) e che mette in relazione diverse culture e altrettanti modi di pensare.

Ritroviamo le atmosfere di The Millionaire, nel protagonista indiano – eroe quasi per caso – in grado di farsi voler bene da chiunque; resta l’approccio del family movie, con un taglio sferzante alla Borat. Un fritto misto di approcci socio culturali che incuriosisce la platea provocando, a fasi alterne, interrogativi in merito alla credibilità di taluni pregiudizi che solitamente vengono alimentati.

Si accendono inoltre i riflettori sul concetto di turista ed emigrato: le due cose, abbastanza spesso, tendono a sovrapporsi. Quest’opera, tra il serio e il faceto, sottolinea garbatamente come determinati “viaggi” non vengano scelti ma imposti da una condizione di vita svantaggiata e sfavorevole. Ogni suggestione è alimentata da colori, suoni e caratterizzazioni che abbiamo riscontrato in altre produzioni sull’asse indoeuropea: già Sognando Beckham aveva aperto la strada a un filone che porta in Occidente l’occasionale balletto bollywoodiano.

Stavolta in primo piano c’è la magia che, al pari di una qualsiasi altra passione, apre i cuori e abbatte ogni ostacolo. Ken Scott prende spunto da qualche situazione realmente vissuta per stravolgerla e giocare con le conseguenze, inseguendo un’iperbole scenica che risulta credibile dinnanzi alla forza dell’illusione e di un montaggio ben organizzato.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
40 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo