Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Don't Worry Recensione


Don't Worry Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

He won't get far on foot: prosegue così il titolo dell'autobiografia di John Callahan (1951-2010), dalla quale Gus Van Sant ha tratto l’omonimo film. Callahan, affermato vignettista satirico, è indubbiamente un personaggio che ben si presta a diventare protagonista di un racconto di dannazione, crescita e redenzione: orfano e con problemi di alcolismo fin dall’adolescenza, a 21 anni è vittima di un incidente stradale che lo rende tetraplegico.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Ma il trauma, lentamente, diventa la base di partenza per la sua rinascita: Callahan canalizza le proprie energie nella creazione artistica e riesce ad affrancarsi da una situazione disperata.
Gus Van Sant sceglie di raccontare la storia di John Callahan mescolando diverse linee temporali, presentandoci così dapprima il vignettista, già in carrozzina, a un incontro di Alcolisti Anonimi, per poi andare a ricomporre il puzzle della sua vita, ricorrendo in parte anche ad animazioni e disegni dello stesso Callahan.

Joaquin Phoenix è, come ormai sua consuetudine, uno splendido interprete: credibile tanto nella parte del giovane Callahan, scapestrato alcolista hippie dai lunghi capelli rossi, che in quella del Callahan più maturo, costretto sulla sedia a rotelle ma comunque incapace di stare fermo e in grado di trasformare la propria feroce ironia in vignette di grande successo. Intorno al protagonista, come anticipato, girano una serie di personaggi che trovano in un ottimo cast i loro interpreti: Rooney Mara, che dà corpo e delicatezza alla compagna di John, Annu; Jonah Hill, il profondo e malinconico sponsor Donnie, ricco, edonista ed omosessuale, realmente capace di indirizzare e accompagnare John sulla via dei 12 passi che porteranno il protagonista alla propria rinascita; Jack Black come Dexter, compagno di sbornie e causa dell’incidente che porta via a John la possibilità di controllare il proprio corpo. Anche le vignette sono protagoniste del film: lo punteggiano, segnano il momento della rinascita di John e offrono spunti per risate e critiche.

Lo spettatore segue il percorso di Callahan saltando indietro e avanti nel tempo, senza per questo perdere il filo o sentirsi disorientato: la struttura del film aiuta a comprendere le ragioni dei comportamenti del protagonista, ad apprezzarne l’evoluzione, a rimarcarne la forza d’animo e sottolineare i passaggi salienti e le sue svolte emotive e psicologiche. John è una persona che soffre, ma che impara a non lamentarsi, reso consapevole del fatto che questo non gli servirebbe. L’uscita dallo stato di dipendenza, l’accettazione di sé, della propria condizione e delle proprie responsabilità lo rasserenano, gli danno modo di interpretare la propria situazione e trovarci nuovi significati. Tutto quanto scritto può suonare buonista e retorico, ma il film non indugia sulla sofferenza. Gus Van Sant è genuinamente affascinato dal suo protagonista: ne coglie la feroce ironia, la vitalità, gli eccessi, la disposizione positiva che porta il prossimo a rispondere al meglio e ad accettare la diversità senza pietismi.

Gus Van Sant è genuinamente affascinato dal suo protagonista: ne coglie la feroce ironia, la vitalità, gli eccessi, la disposizione positiva che porta il prossimo a rispondere al meglio e ad accettare la diversità senza pietismi.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo