LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Cimitero vivente Recensione


Cimitero vivente Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Durante la programmazione di Notte Horror sono svariate le occasioni in cui sono state programmate pellicole tratte da romanzi o racconti di Stephen King, un nome che al cinema non è sempre sinonimo di qualità, ma che resta comunque in grado di sucitare l’interesse del pubblico. Ed è proprio l’adattamento di un suo libro a detenere lo scettro di “Re di Notte Horror” con ben quattro passaggi in altrettante estati: Cimitero Vivente.

Uscito nel 1989, il film appare come una produzione minore se paragonato ad altre incarnazioni su celluloide dei lavori di King.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Opere imprescindibili come Carrie – Lo sguardo di Satana di Brian DePalma, Le notti di Salem di Tobe Hooper e ovviamente Shining di Stanley Kubrik. A Cimitero vivente non è legato alcun grosso nome hollywoodiano: la regista Mary Lambert aveva alle spalle solo una lunga gavetta di video musicali (perlopiù di Madonna) e il nome più altisonante che appariva nel cast era quello di Fred Gwynn, visto negli anni ‘60 nella serie tv Munsters. Ma contro ogni previsione Cimitero Vivente è un film che riesce a terrorizzare oggi come allora, soprattutto per l’argomento che tratta, ovvero la difficoltà dell’essere umano di accettare la morte di un suo caro.

I Creed sono la tipica famiglia medio borghese americana degli anni ’80. Si trasferiscono in uno sperduto paesino di provincia (ovviamente nel Maine) dove le loro vite subiscono improvvisi traumi. Quando il gatto Churchill muore, il capo famiglia e il vicino di casa lo seppelliscono in un vecchio cimitero indiano in grado di riportare i defunti di nuovo in vita. In effetti la bestiola tornerà ancora a vivere, ma pervasa da un’anima corrotta e malvagia.

Il motivo per cui Cimitero Vivente è un ottimo adattamento kinghiano è perché riesce a mantenere intatte le atmosfere del libro, scivolando lento e inesorabile da una stucchevole e quasi patinata presentazione dei protagonisti, verso un orrore malsano e a tratti morboso. L’elemento soprannaturale viene introdotto a piccole dosi, andando di pari passo con la costruzione di un’orrore intangibile, impalpabile, eppure sempre più presente mano a mano che trascorrono i minuti sullo schermo.
Il tema centrale dell’intera vicenda è la Morte, in tutte le sue declinazioni.

La scena finale è un miracolo di regia e il volto contratto in una smorfia di cattiveria del piccolo Gage ha perseguitato più di uno spettatore, oltre al fatto di non aver perso una sola oncia della sua malsana essenza anche se rivisto oggi, a quasi 30 anni dalla sua uscita.

Il capofamiglia, un medico, viene perseguitato dallo spettro di un ragazzo che non è riuscito a salvare in sala operatoria. La moglie, da piccola, ha assistito alla morte della propria sorella maggiore, divorata da una grave malattia. Poi c’è la morte del gatto Churchill e il racconto del vicino di casa su quando lui stesso ha seppellito nel cimitero indiano il proprio cane deceduto. Ma è solo in seguito alla scena dell’incidente con il camion - dopo la cerimonia funebre tenuta da Stephen King in persona, in un cameo nei panni del prete officiante - che il film decolla veramente e l’orrore (per quanto prevedibile) si manifesta in tutto il suo terrificante splendore.

La scena finale è un miracolo di regia e il volto contratto in una smorfia di cattiveria del piccolo Gage ha perseguitato più di uno spettatore, oltre al fatto di non aver perso una sola oncia della sua malsana essenza anche se rivisto oggi, a quasi 30 anni dalla sua uscita.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
50 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo