Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Presentato a Venezia nella sezione Sconfini anche l’ultimo lavoro di Gianni Pacinotti, in arte Gipi, amato fumettista pisano che negli anni ha realizzato diversi cortometraggi e nel 2001 ha esordito con il lungometraggio L'ultimo terrestre. Il ragazzo più felice del mondo, questo il titolo della pellicola, è una commedia un po’ surreale tratta da una storia vera.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Racconta la storia di un ragazzino che a 14 anni manda una lettera a Gipi per manifestargli apprezzamento per il suo lavoro e chiedergli un disegno ricordo, da fan. Nulla di strano, se non fosse che questo ragazzo in realtà da oltre 20 anni ha mandato la stessa lettera da fan a quasi tutti i più noti fumettisti italiani. Inizia così un viaggio per scoprire la verità, che Gipi vorrebbe trasformare in docufilm. Ma la Fandango non ne è entusiasta.
Davide Barbafiera, Gero Arnone e Francesco Daniele, che interpretano loro stessi, come altri colleghi fumettisti, sono i coprotagonisti che accompagnano Gipi in questa impresa: quella di realizzare un docufilm che racconti la storia di un ragazzo - probabilmente - disturbato. In realtà la volontà di Gipi non è smascherarlo, ma farlo commuovere, incontrandolo assieme ai numerosi disegnatori che ha contattato nel corso degli anni.

Il ragazzo più felice del mondo è un film su un film, o meglio sulla sua lavorazione. Che però sul finale assume i tratti di un road movie, facendo molte deviazioni. Non parla del ragazzo più felice del mondo, bensì racconta il disagio di voler mettere in scena una storia, un’idea, e le difficoltà di trovare finanziamenti, di riuscire a realizzarla senza scendere a compromessi o, peggio, senza essere oggetto di critiche altrui.

Sebbene non manchino momenti esilaranti e aperture a momenti di riflessione, è anche vero che le analogie e le metafore sono sicuramente più comprensibili a chi fa parte di questo piccolo mondo di narratori e restano imbrigliate in dinamiche per addetti ai lavori.

Il problema è che nel raccontare questo disagio il film fa consusione. Non c’è una pista narrativa unica e quando si tenta la strada del metacinema, il racconto appare forzato. I meccanismi di ironia utilizzati sono poi ridondanti, perché reiterati per tutta la pellicola e incentrati esclusivamente sulla troupe.

Sebbene non manchino momenti esilaranti e aperture a momenti di riflessione, è anche vero che le analogie e le metafore sono sicuramente più comprensibili a chi fa parte di questo piccolo mondo di narratori e restano imbrigliate in dinamiche per addetti ai lavori. Gipi mette molto di sé, e questo è apprezzabile.

Ma il vero senso della pellicola, quella sensazione di disorientamento legata alla professione, propria di chi non sa come uscire dalle storie che crea, non è messa in scena nel migliore dei modi.

Dove finisce la realtà e inizia la fantasia? Gipi prova a condividere con lo spettatore le sue paure, la sua fragilità, ma vaga senza meta attorno al senso di inadeguatezza. Attraverso un’autoironia che stanca e appesantisce la pellicola, forse l’autore toscano ha perso l’occasione per farci fare un interessante viaggio nella realtà fantastica del mondo dei disegnatori. Ed è un peccato.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
32 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo