Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Black Tide Recensione


Black Tide Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il giovane Dany scompare improvvisamente. Francois Visconti, controverso capo della Polizia con un’intricata storia familiare alle spalle, prende in mano il caso e organizza le ricerche: l’indagine si rivela complessa e l’uomo coglie l’occasione per riflettere circa il suo ruolo di istituzione e di padre, essendo coinvolto emotivamente in entrambi.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Da un lato investe anima e corpo per trovare Dany, dall’altro trascura il figlio sedicenne, Denis, che rischia di restare invischiato in un brutto giro di droga.

Erick Zonca riadatta il best seller The missing file di Dror Mishani e porta al cinema un thriller dalle tinte noir che ha per oggetto i giovani e il rapporto padri-figli. Emerge la figura di un uomo, Francois Visconti, combattuto ed eternamente in lotta: il ruolo istituzionale e il vissuto burrascoso sono spesso in contrasto, in particolar modo se c’è da indagare sulla scomparsa di un ragazzo. Allora può capitare che lavoro e famiglia si sovrappongano, con un prezzo troppo alto da pagare.

Black tide mescola affetti e nemici con parsimonia, fino a comporre una tela ben organizzata che convince lo spettatore col giusto grado di pathos e tensione. Vincent Cassel restituisce in maniera pregevole le paturnie e i demoni di Visconti, assicurando il ritratto di un uomo disperato. Sporco, alcolista, maleducato.

Black tide, grazie alla struttura a incastro, riesce a toccare più di un tema: si passa dall’omosessualità all’incesto, sviscerando il sesso nei suoi lati più torbidi senza calcare troppo la mano. Quel che resta è l’angoscia e l’intrigo che presta il fianco alla violenza, affatto smodata, piuttosto calibrata a seconda dei livelli nell’intreccio narrativo.

Una tela ben organizzata che irretisce lo spettatore col giusto grado di pathos e tensione.

Valore aggiunto è la fotografia di Paolo Carnera, che ha già firmato progetti importanti, tra cui Gomorra - La serie.

L’opera è un insieme di scelte azzeccate, leggermente trascurata nel montaggio, ma non per questo meno godibile. Non può dirsi adatta a ciascun tipo di pubblico, in quanto – concettualmente e tecnicamente – il thriller francese sta percorrendo una strada particolare: si preferisce puntare sull’irriverenza dei dettagli piuttosto che sulla cruentezza dei gesti violenti. Una scazzottata fine a se stessa non porta a nulla, Zonca vuole indagare e restituire il degrado e l’indolenza di determinate vicende. Allora gli ambienti, le situazioni, i risvolti psicologici dietro a ogni azione divengono fondamentali.

Un eterno gioco delle parti dove nessuno è infallibile, preponderante è l’assenza di eroi contrapposta alla ricerca di verità: l’essenziale sta nell’umanità piuttosto che nella virtù. E gli umani sono, il più delle volte, fallibili. Black tide è l’epopea dell’insolvenza umana che cerca riscatto ripartendo dalla quotidianità. Tutto infarcito con l’incalzante ritmo delle storie avvincenti, in cui ogni sparo diventa l’anticamera di una disfatta.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo