Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Croce e Delizia Recensione


Croce e Delizia Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Tony è un padre eccentrico e libertino, che ha trascurato spesso la sua famiglia, lasciandola però nello sfarzo e nell’agiatezza. Carlo, invece, è un vedovo con una famiglia allargata fatta di figli, qualche nipote e una nuora; è sempre vissuto a Roma, facendo il pescatore: un tipo verace e schietto.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Questi due poli, apparentemente opposti, finiscono per incontrarsi e innamorarsi. Al punto da convolare a giuste nozze. Ma la notizia del matrimonio imminente sconvolgerà le rispettive famiglie che dovranno conoscersi in un’estate assolata.

Croce e delizia è l’ultimo film di Simone Godano che, ormai, si diverte a sconvolgere e sparigliare le carte in ambito familiare: dopo Moglie e marito, in cui i ruoli venivano ribaltati per uno strano scherzo del destino, stavolta il tema è l’omosessualità. Tema apparentemente sdoganato, eppure il nostro cinema fa sempre fatica a sviscerarlo con pienezza: ci ha provato Maria Sole Tognazzi nel 2015 con Io e lei, per raccontare, in quel caso, però, un amore tutto al femminile. Quattro anni più tardi, il posto di Margherita Buy e Sabrina Ferilli lo prendono Alessandro Gassmann e Fabrizio Bentivoglio.

Croce e delizia racconta il tema delle unioni civili, anche se il film è una vera e propria vicenda amorosa nella sua interezza, senza alcuna distinzione. Perché se è vero che l’amore fra due uomini non dovrebbe ormai creare scompiglio, Godano ci dimostra il contrario facendo innamorare due personalità così diverse da portarsi dietro altrettanti bagagli emotivi e pregiudizi che vengono spiattellati con sagacia e insolenza.

Croce e delizia mette a nudo le debolezze di ogni protagonista, che porta con sé un vissuto diverso.



Si parla di famiglia, ma anche di omofobia: non tutti vogliono o possono accettare il cambiamento, e Godano prova a spiegare scena dopo scena come l’odio e l’intolleranza verso differenti forme d’amore derivi da timori e mancanze delle singole personalità che compongono un gruppo sociale. Croce e delizia mette a nudo le debolezze di ogni protagonista, che porta con sé un vissuto diverso.

Nel girato si evince che la paura di una possibile unione civile non è altro che frutto dell’incertezza nel dover ricostruire determinati meccanismi che non sempre sono stati attuati al meglio: la famiglia resta tale, al di là del genere sessuale di cui è composta, solo se è unita. Poco importa se a farne parte sono due uomini, due donne, oppure un uomo ed una donna.

Ciò che conta è dare amore, quello che manca inizialmente a Carlo e Tony: due singolarità – protagonisti della vicenda – beffate dalla vita in grado di ritrovarsi solamente dopo essersi incontrati ed amati.

Godano argina sapientemente luoghi comuni e pregiudizi dietro gag e siparietti basati su una dicotomia dialettica: da una parte una famiglia bonaria e semplice, che risolve tutto con la battuta e il sorriso, pur non concependo inizialmente la presa di posizione del padre; dall’altra un nucleo di persone, apparentemente altolocate e colte, che sono cresciute nel bigottismo celato da sfrenata tolleranza.

Questo mix di anime e caratteri si rivela adeguato a far emergere le questioni che, ancora oggi, circondano le unioni civili e le famiglie 2.0. La semplicità sembra essere per Godano il miglior veicolo dell’amore: non è rilevante di che natura sia un sentimento, basta che sia sincero per superare incomprensioni e avversità.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo