Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

La prima pietra Recensione


La prima pietra Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Durante una giornata scolastica, nel corso della ricreazione, uno studente scaglia una pietra contro la finestra dell’istituto comprensivo. Alla rottura del vetro, si aggiunge un increscioso incidente: il custode Marcello subisce un forte trauma alla testa, in seguito alla sassata ricevuta.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Una sfortunata casualità, che normalmente si risolverebbe con una semplice ammissione di colpa, rischia di trasformarsi in un conflitto diplomatico: l’autore dell’incauto gesto è il piccolo Samir Hatab, giovane musulmano, che dovrà rispondere anche di colpe che non ha. Come, ad esempio, avere dei genitori che, per via di determinate scelte quotidiane e culturali, non vengono ben visti dal bidello e sua moglie. Entrambi pervasi da un comportamento qualunquista e bigotto. Dunque, un banalissimo danno farà affiorare cattiveria e pregiudizi che perdurano da secoli e poco hanno a che fare con la condotta studentesca.

Rolando Ravello è al suo terzo film da regista e, come dimostra il suo repertorio cinematografico, ogni opera sottintende temi e aspetti molto profondi. Stavolta, con La prima pietra, si affrontano - simpaticamente e con un pizzico d’arguzia - i pregiudizi e i luoghi comuni legati alle diverse religioni ed etnie. Viene sollevato, con leggerezza e ironia, il problema dell’odio razziale che – il più delle volte – non è soltanto una questione di pelle. Deriva dalla diversità di scelte, di comportamenti, che caratterizzano ciascuna persona.

L’odio ingiustificato, terreno fertile per creare conflitto, ne La prima pietra è lo spunto per ridere dei nostri difetti smontando le più profonde convinzioni sociali e culturali.

Allora, Ravello prende una comunissima casualità e la stravolge, esasperandola, per vedere fino a che punto la psiche umana – e l’ignoranza – può arrivare. Dunque, questo film mette sul piatto dogmi cristiani, ebraici e islamici, mischiandoli con sapienza dentro un unico calderone, che si concretizza attraverso una convivenza e convivialità forzata, per dar vita a siparietti e situazioni divertenti al limite del politicamente corretto. In un tale contesto, s’inserisce la figura di Corrado Guzzanti: il suo ritorno al cinema è dovuto a un ruolo, quello del preside - apparentemente avanguardista e bacchettone nella sostanza -, che sembra essergli stato cucito addosso. Il dirigente scolastico Ottaviani è un uomo che si barcamena nella cristianità, tenendo a bada la propria esuberanza e passione per l’arte teatrale e poetica: un misto fra Padre Pizzarro e Roberto Robertetti in versione formale.

Maschera ideale in grado di esaltare le capacità dell’attore romano, dando vero lustro a una ricca sceneggiatura.

Ogni personalità presente in scena dà vita ad una sequela di luoghi comuni e paradigmi epistemologici ben articolati, che evidenziano le pecche del fondamentalismo religioso quando subentra al buon senso. L’odio, spesso, è ingiustificato e fomenta le incomprensioni. Normalmente, sarebbe terreno fertile per creare conflitto, ne La prima pietra è lo spunto per ridere dei nostri difetti smontando le più profonde convinzioni sociali e culturali. Toccante e sagace la scena del coro di bambini che canta dinnanzi a una folla di genitori intenti a darsele di santa ragione per via di un’affermazione riportata nel modo sbagliato. Ravello ripropone sullo schermo quel cinismo, che si contrappone all’eccessiva indolenza, figlio del nostro tempo e allestisce un nuovo modo di fare commedia, che utilizza espedienti retorici e dialettici inconsueti, per condurre il pubblico in un vortice di risate da cui potrebbe scaturire un bell’esame di coscienza collettivo.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
30 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo