Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Michele Soavi torna al cinema dopo dieci anni. L’ultima prova risale al 2008 con Il sangue dei vinti; da allora, tanta televisione e altrettanti successi nazionalpopolari come la prima stagione di Rocco Schiavone.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Lo stile è sempre quello: una regia moderna, che strizza l’occhio alle produzioni internazionali, con un approccio dinamico e coinvolgente, in grado di trascinare lo spettatore in un vortice emozionale grazie a reiterati colpi di scena e capovolgimenti di fronte. Stavolta si misura con il film natalizio, scegliendo di raccontare le disavventure della Befana... un po’ eroina, un po’ maestra di vita. Il ruolo sembra perfetto per una come Paola Cortellesi – lei, cinematograficamente parlando, arriva dalle recenti esperienze con Riccardo Milani (regista e suo compagno di vita) che l’hanno vista leggermente al di sotto delle sue possibilità – capace di assumere più forme tramite una sola personalità artistica. Questo si chiede ad una donna che, per vivere, fa la maestra e di notte si trasforma nella dispensatrice di doni per antonomasia. Riuscirà la Befana a conciliare vita privata ed esigenze lavorative senza deludere milioni di bambini pronti ad aspettarla? La Befana vien di notte dipinge le mille sfaccettature di una tradizione, al pari di un’epopea eroica, che vede la sua super donna emergere nonostante le difficoltà.

C’è la commedia e anche un pizzico d’azione.

Fresi e Cortellesi sono posti su una rampa di lancio piuttosto confortevole, affinché possa emergere il loro rispettivo talento.

Tutte cose che riescono abbastanza bene alla Cortellesi, spalleggiata da un affidabile e capace Stefano Fresi, in grado di rielaborare il vissuto fiabesco dandogli un risvolto epico. Il film resta pur sempre un prodotto concepito per bambini e ragazzi, che sono i protagonisti indiscussi dell’intricata vicenda e ricoprono un ruolo chiave nella risoluzione dell’intreccio narrativo. Michele Soavi mescola bene tensione e umorismo, facendo apprezzare anche agli adulti quella che potrebbe sembrare una sceneggiatura già vista.

La figura della Befana non viene oltraggiata, né esaltata eccessivamente: si fa perno su quelle tre-quattro indiscusse caratteristiche – entro cui la Cortellesi si districa egregiamente – e le si esaspera sino a creare una figura conturbante e contorta, desiderosa di buttare giù (a colpi di risate) qualsiasi luogo comune.

Come, ad esempio, il presunto sodalizio con Babbo Natale: ne La Befana vien di notte è completamente annientato. Nicola Guaglianone, sceneggiatore del film, basa questo rapporto sulla disparità di condizioni, compiti e reputazione, in tema di differenze di genere: grazie a una sottile ironia, viene alimentato il luogo (neanche troppo comune) dell’uomo ricco e amato contro la donna brutta e sfruttata. Volendo tirare le somme, questo film gioca con il vissuto del pubblico e dei vari interpreti: ognuno di noi è stato bambino e la Befana se la ricorda in un certo modo, Soavi spariglia le carte cercando di non deludere nessuno. In primis Fresi e Cortellesi, posti su una rampa di lancio piuttosto confortevole affinché possa emergere il loro rispettivo talento.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
112 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo