Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Toy Story 4 Recensione


Toy Story 4 Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

C’era bisogno di un nuovo capitolo della saga di Toy Story? Molto probabilmente no: la storia di Woody, Buzz e di tutti i giocattoli di Andy aveva trovato un felice epilogo nel passaggio di consegne alla piccola Bonnie; un perfetto “e vissero felici e contenti” che rendeva giustizia e poesia all’esistenza di personaggi che abbiamo imparato ad amare. Cionondimeno, questo quarto capitolo ha una sua piena dignità e apre una nuova prospettiva nelle granitiche certezze di Woody, portandolo per la prima volta a chiedersi cosa sia meglio per lui, ancora più che per il bambino – o la bambina – della cui felicità si sente responsabile.

Il film si apre con un flashback degli anni in cui i giocattoli erano ancora di Andy e si focalizza su una grande perdita per il cowboy Woody, su cui in effetti nel corso della saga si era abbastanza sorvolato: una sera di pioggia, la pastorella Bo, inconfessato amore di Woody, viene ceduta a un nuovo proprietario, senza che l’una o l’altro siano riusciti a esprimere un sentimento dall’esterno più che palese.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Le grandi storie d’amore però, si sa, sono capaci di giri immensi, e nove anni più tardi i due si ritrovano insospettabilmente uniti in una nuova avventura.

Questo nuovo Toy Story 4 propone tematiche interessanti: la creatività dei bambini, capaci di fare di un mucchietto di spazzatura il proprio nuovo giocattolo preferito, riconoscendo forse inconsciamente nel gesto creativo un valore che si trasmette all’oggetto creato; l’accettazione del proprio ruolo nel mondo, che a volte passa per prese di coscienza del tutto personali, come quella del nuovo personaggio Forky; l’autodeterminazione anche rispetto a un ruolo sociale del quale si riconosce l’importanza; il valore dei sentimenti e la consapevolezza che per certe giostre non si può aspettare il prossimo giro.

Sorvolando sui dettagli della trama, concentriamoci invece sui personaggi, vecchi e nuovi, che animano l’ultima produzione Pixar. Ai personaggi celebri di Toy Story se ne aggiungono diversi e ben studiati: oltre al già citato Forky, anche la “nuova” Bo, che da pastorella è diventata una sorta di Lara Croft sempre desiderosa di nuove avventure; la coppia comica Ducky e Bunny, premi da Luna Park, indissolubilmente legati; Duke Caboom, motociclista stuntman dalle grandi insicurezze; Gabby Gabby, la bambola d’epoca che vuole la sua chance di essere amata. I nuovi membri del cast si integrano bene in un plot che rende chiare e comprensibili le motivazioni di ognuno, le mette in crisi, le discute e, nel portare a compimento i vari archi narrativi, coinvolge ed emoziona come un film Pixar deve saper fare.
Probabilmente questo capitolo quattro non era necessario, e meno ancora lo sarebbe un eventuale quinto episodio, ma fintanto che ad Emeryville troveranno buone ragioni per riportare sullo schermo personaggi così capaci di coinvolgerci e raccontarci di noi... la nostra disponibilità ad accettarli tornerà a rinnovarsi.

Ai personaggi celebri di Toy Story se ne aggiungono diversi e ben studiati: oltre al già citato Forky, anche la “nuova” Bo, che da pastorella è diventata una sorta di Lara Croft sempre desiderosa di nuove avventure.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo