Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Wildlife Recensione


Wildlife Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Paul Dano esordisce alla regia, realizzando Wildlife, in concorso al 36° Torino Film Festival: un film magistrale. Tratto dal romanzo omonimo dello scrittore statunitense Richard Ford, il film di Dano riesce a coniugare la maestosità del paesaggio del Montana con le vicende personali e drammaticamente normali della famiglia Brinson.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.5/5
Voto utenti: 3/5

Siamo nel 1960, in un piccolo villaggio ai piedi delle Montagne Rocciose. Il quattordicenne Joe, trasferitosi da poco in paese assieme ai genitori Jerry e Jeanette, è il testimone incolpevole del progressivo sfaldamento dei rapporti all’interno della propria famiglia. Nella scena iniziale, solo apparentemente idilliaca, vediamo Joe giocare a football con il padre. Tutto sembra perfetto. Una famiglia del ceto medio americano che vive in una tipica villetta con giardino. Padre e madre paiono fieri dei risultati scolastici del figlio e della sua capacità di emergere nella squadra locale di football. Tutto falso.

Un’ottima pellicola che non ha cedimenti, aiutata anche dalle grandi prove di tutti gli attori, eccellenti nel delineare i caratteri dei personaggi.

Paul Dano ci porta ben presto a scoprire come, in realtà, sotto quella patina di normalità ci sia una situazione familiare poco stabile. I Brinson si sono da poco trasferiti in cerca di miglior fortuna; il padre lavora come caddy in un club di golf dal quale verrà, ben presto licenziato, mentre la madre Jeannette, ex insegnante, è a casa senza un lavoro e il giovane Joe non è brillantissimo a scuola e, nella squadra di football, risulta emarginato dai compagni.

Il sogno americano è un'illusione: gli spettatori rimangono invece colpiti dal repentino precipitare degli avvenimenti, allorché Jerry deciderà di partire come volontario nei gruppi di supporto ai vigili del fuoco locali, impegnati nelle operazioni di spegnimento di un enorme incendio che sta divorando ettari ed ettari di bosco sulle pendici delle vicine montagne. Jeannette, che non accetterà la decisione del marito di abbandonare, anche se solo momentaneamente, la propria famiglia per poter lavorare, entrerà in uno stato di depressione che la porterà a concedersi a un uomo benestante, molto più anziano di lei, sotto gli occhi impotenti del figlio. In Wildlife, come detto, la macchina da presa utilizza la grandiosità degli spazi aperti del Montana contrapponendoli a quelli chiusi familiari che ci raccontano di una vicenda privata vista con gli occhi di Joe, unico personaggio privo di colpe del film.

Dano utilizza la metafora del fuoco che divora la natura senza lasciare nulla dietro di sé per descrivere la distruzione della famiglia Brinson. La fotografia di Diego Garcia riesce a cogliere in maniera perfetta, da un lato la maestosità del paesaggio e, dall’altro la faccia oscura di un’America che non sembra quella dell’opulenza di quegli anni, ma che sembra piuttosto uscire direttamente dai tempi della grande depressione vista nel Furore di John Ford, soprattutto nelle scene che riprendono la partenza di Jerry per il fronte dell’incendio e gli accampamenti dei volontari.

Wildlife è una pellicola che non ha cedimenti, aiutata anche dalle prove di tutti gli attori, eccellenti nel delineare i caratteri dei personaggi. Jake Gyllenhaal nella parte di Jerry, Carey Mulligan in quella di Jeanette e, soprattutto, Ed Oxenbould che interpreta il giovane Joe, riescono a rendere in maniera perfetta il senso di sconfitta che li pervade. Joe osserva e, significativamente, verrà assunto come aiutante di un fotografo: utilizzerà non più il suo sguardo ma quello di una macchina fotografica per immortalare, con un autoscatto lui e i genitori che mostrano, negli occhi, tutto il senso della loro sconfitta e, per trasposizione, quello di un’intera nazione.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Un Ragazzo Di Calabria | 12:09 27/09/19

Gran, bel film! Ottima la fotografia, attori molto bravi nelle loro parti. Voto 7/10

Segnala Rispondi

COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo