Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Modalità aereo Recensione


Modalità aereo Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Fausto Brizzi torna al cinema, dopo un periodo di stop in cui è emerso prevalentemente come sceneggiatore, e lo fa in maniera irriverente. Modalità aereo, suo dodicesimo lavoro, è ricco di riferimenti agli Stati Uniti e alla modernità, profondamente italianizzati e contestualizzati nel costume nostrano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Al centro di tutto ci sono Diego, imprenditore bello, ricco e famoso che vive di appuntamenti e scadenze coordinando ogni cosa dal suo cellulare; e Ivano, addetto alle pulizie aeroportuali. Entrambi finiranno per incontrarsi a causa di uno scambio fortuito di telefonini, dentro cui ormai ci sono le nostre intere vite. Ventiquattrore in cui l'intera esistenza di un industriale sarà nelle mani – e nei tasti – di un uomo “normale”. Nell’ultima opera di Brizzi, c’è la voglia matta di sparigliare le carte. Di tornare, in grande stile, sugli schermi proponendo un umorismo diverso che parta da qualcosa di riconoscibile... per poi infrangersi nella novità. Anche lui, come già Paolo Genovese nel 2016 con Perfetti Sconosciuti, prende in esame quello che ormai è un prolungamento di noi stessi: lo smartphone.

Un affresco di risate che alterna qualche amara riflessione sui nostri tempi.

Se, però, Genovese li utilizzava per far emergere dubbi e tradimenti amorosi, Fausto Brizzi li utilizza per favorire l’artificio dello scambio di personalità.

Negli anni Duemila, per scambiarsi le vite, si sarebbe dovuto ricorrere ai biscotti della fortuna o a chissà quale pozione magica. Oggi basta un IPhone. Infatti, ognuno di noi riversa dentro questo dispositivo gran parte della sua quotidianità senza pensare che potrebbe finire, inavvertitamente, fra le mani di chiunque.

Fausto Brizzi paragona lo scambio di telefono a un brusco cambio look: così come indossare un vestito non proprio equivale a vivere un'altra vita, allo stesso modo Ivano - semplice addetto alle pulizie - si ritrova, suo malgrado, a dettare l’agenda socio politica e industriale sullo schermo touch di un telefono.

Questo, ovviamente, presta il fianco a gag strutturate e divertenti. Non fosse altro per l’azzardo che ha mostrato nel mettere sullo stesso piano Lillo, Paolo Ruffini, Violante Placido, Dino Abbrescia e Caterina Guzzanti; così diversi da risultare complementari, in un affresco di risate che alterna qualche amara riflessione sui nostri tempi.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
11 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo