Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

7 uomini a mollo Recensione


7 uomini a mollo Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

La sfida di dirigere un primo film da solo è stata decisamente vinta dal regista e attore francese Gilles Lellouche: 7 uomini a mollo, infatti, pur essendo una commedia costruita secondo la formula commerciale del consesso tra maschi sfortunati e perdenti che risalgono la china, contravvenendo a regole e probabilità – vedi Full Monty o il testosteronico Magic Mike – riesce lo stesso a coinvolgere e commuovere lo spettatore grazie all’ottima sceneggiatura, interpretazioni magistrali e senso dell’ironia. La storia, già di per sé, è irresistibile: un gruppo di uomini di mezza età, schiacciati dalla vita, falliti nella carriera o negli affetti – quasi tutti in entrambi gli ambiti – si ritrova, la sera, a seguire un corso di nuoto sincronizzato.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Sul muro della palestra, una mano anonima, ha già segnato l’inappellabile scritta: froci. Ma ai nostri eroi poco importa, perché quell’attività, fatta di impegno, divertimento e condivisione dei problemi, è l’unico diversivo della loro vita. C’è Bertrand (Mathieu Amalric, disoccupato da due anni, che fa colazione con gli antidepressivi; Laurent (Guillaume Canet), preda di tali attacchi di perfezionismo isterico, da finire abbandonato da tutti; Marcus (Benoît Poelvoorde), imprenditore plurifallito che non riesce a conciliare sogno e realtà; Simon (Jean-Hugues Anglade), che vive in una roulotte, disprezzato dalla figlia adolescente, ma che si ostina a credersi un grande musicista rock; e anche Thierry (Philippe Katerine) un timido e poco sveglio impiegato della piscina comunale. Questa improbabile squadra è capitanata dall’altrettanto segnata e fallita Delphine (Virginie Efira), ex campionessa di nuoto sincronizzato con un passato da rielaborare. I nostri maschi, dalla fisicità onesta che lascia ben poche speranze di miglioramento, si immergono nell’acqua della piscina come se si tuffassero in un sogno: l’elemento magico e primordiale li unisce, ne rafforza il cameratismo, ne alleggerisce i problemi, dona loro nuove forze ed energia. Non necessariamente per cambiare e reagire, ma per accettarsi per quello che sono, migliorare la propria autostima e di conseguenza, i rapporti con gli altri.La grande occasione di riscatto arriverà quando la squadra deciderà di iscriversi ai campionati mondiali di nuoto sincronizzato che si svolgeranno in Norvegia, nonostante la mancanza di soldi e il clima di sfiducia generale.

In 7 uomini a mollo non c’è un solo attore fuori posto e ognuno meriterebbe di essere menzionato. Impossibile non ricordare Amanda (Leila Behkti), l’allenatrice della squadra in seconda battuta, cattivissima ed implacabile sulla sua sedia a rotelle.

Di sicuro il cinema più bello, è quello che consola e accende la speranza, illuminando il buio della sala.

Un piacere vedere un film che riesce a trattare temi così poco gradevoli e scomodi – alcolismo, infanzie violate, maltrattamenti, problemi mentali, rancori tra consanguinei - e farne una commedia veramente divertente, che fa sorridere nonostante l’amarezza e sperare nonostante le ben poche prospettive di speranza. Può un tondo entrare in un quadrato? Si possono conciliare i sogni e le visioni morbide dell’infanzia con le aspettative, le mete, i traguardi angolosi che la società ci impone di raggiungere da adulti? Ci chiede una voce narrante all’inizio del film. Allo spettatore la sentenza finale. Di sicuro il cinema più bello, è quello che consola e accende la speranza, illuminando il buio della sala.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
21 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


Dragon Ball Super: Broly

€1.667.054
Green Book

€1.084.075
Domani è un altro giorno
€706.326
Ancora auguri per la tua morte
€553.932
10 giorni senza mamma

€551.831
REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo