Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Cold War Recensione


Cold War Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Selezionato nella shortlist dei titoli in lingua straniera che concorreranno alla prossima edizione degli Oscar, Cold War è un'opera maestosa nel suo dolce minimalismo, ennesima grande intuizione del regista polacco Paweł Pawlikowski, il quale continua il proprio personale percorso di scavo nel passato del proprio Paese dopo il già magistrale Ida (2013), vincitore della sopracitata statuetta solo quattro anni fa. Film dal quale riprende anche lo stile visivo, con il formato 4:3 e il bianco e nero, a rendere ancor più affascinante questo melodramma d'autore.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.5/5
Voto utenti: 3/5

Un film votato alla sottrazione, piuttosto che sull'accumulo, di situazioni tragiche: scelta inusuale che dona ulteriore fascino agli ottanta, calibratissimi, minuti di visione. Visione che prende parzialmente spunto dalla vita dei genitori del cineasta e racconta la storia d'amore tra Wiktor, un apprezzato compositore musicale, e la più giovane e bionda cantante Zuzanna, scovata dall'uomo in un piccolo paesino mentre stava tenendo audizioni imposte dal regime per rilanciare le arti nazionali.

Durante tutto lo scorrere della narrazione i due amanti si rincorrono e si separano, in un eterno girotondo nel quale le differenze sociali (alto borghese lui, di provenienza contadina lei), di età e di idee politiche si pongono quali ostacoli sempre più ostici e pericolosi, con il regime comunista che tenta di metter ulteriori bastioni tra le ruote all'aspirata coronazione di una love-story sempre prossima a divenire così come a finire bruscamente.

Paweł Pawlikowski ferma il tempo e l'immagine, con fotogrammi fissi che rimangono negli occhi e nel cuore, filtrati dalla splendida fotografia senza colore, con le luci e le ombre che acquisiscono ruolo fondamentale nella definizione delle scene e dei relativi sussulti emotivi. Sempre e comunque negati al piacere voyeuristico del pubblico in favore di un asse empatico più raziocinante, ma non per questo meno appassionante, che di facile appiglio. Cold War può definirsi sorta di musical dell'anima, visto che le parti strumentali e cantate sorreggono ogni bivio chiave della vicenda in sequenze sonore di struggente e poetica bellezza, costantemente illuminate dalla voce e dallo sguardo senza età della protagonista femminile Joanna Kulig. Il contesto storico viene vissuto proprio attraverso l'utilizzo delle note, con i canti tipici del folklore polacco a cui si sostituisce il rock and roll delle discoteche parigine, in una sorta di passaggio di consegne tra passato e presente che sono, sempre e comunque, destinati ad affrontarsi, come testimonia anche la splendida sequenza pre-finale. Il passare degli anni tralascia i rimpianti, catapultando da un periodo all'altro senza eccessi di sentimentalismo gratuito per collegare i tasselli chiave dell'amara love-story, dove tra gelosie e differenze di vedute Wiktor e Zuzanna si troveranno a vivere un'infinita odissea relazionale che solo la forza indissolubile del loro legame riesce a mantenere saldamente coesa.

Un film che cita maestri come Antonioni e Truffaut in una rappresentazione capace di cogliere il massimo mostrando il minimo.

Lo spazio logistico e l'avanzare del calendario sono così al servizio del vibrante cuore narrativo e della messa in scena, ideali succubi di un meccanismo filmico oliato alla perfezione, che cita maestri come Antonioni e Truffaut in una rappresentazione capace di cogliere il massimo mostrando il minimo.

di Maurizio Encari
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


Dragon Ball Super: Broly

€1.667.054
Green Book

€1.084.075
Domani è un altro giorno
€706.326
Ancora auguri per la tua morte
€553.932
10 giorni senza mamma

€551.831
REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo