Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In concorso alla Mostra del Cinema di Venezia del 2017, Paul Schrader dà vita a un film unico nel suo genere, nel quale concilia una grande profondità di scrittura che tocca temi filosofici e teologici con la consueta originalità della regia. La fede del cappellano Toller viene messa duramente alla prova da una serie di avvenimenti tragici che toccano la sua vita, su tutti la perdita del figlio che lui stesso, da ex militare, aveva incoraggiato ad arruolarsi.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Il lutto, insieme a un altro evento infausto del quale sarà indirettamente protagonista, lo condurranno negli abissi di un profondo conflitto interiore e di una riflessione che si concretizzerà in una lucida e spietata analisi dei meccanismi della società sfrenatamente capitalista in cui viviamo, e in particolare del ruolo delle corporations. Una riflessione intima e sofferta costituisce l’ossatura di First Reformed - La creazione a rischio, un film scandito da pochissimi avvenimenti, quasi tutti collocati nella parte iniziale. Questi eventi servono solo a far detonare, nell’animo del protagonista (un eccezionale Ethan Hawke), il tema essenziale, ricorrente nelle opere di Schrader, ovvero la necessità di redimersi interiormente. E la redenzione può avvenire solo attraverso un percorso di sofferenza, una sorta di via crucis personale che, in questo caso, è anche volontà di agire su una società governata da spietati lobbisti che deturpano l’ambiente (memorabile, a tal proposito, il dialogo con l’ambientalista che non vorrebbe far nascere un figlio in un mondo che ritiene senza futuro) e hanno messo radici anche nelle istituzioni religiose locali che finanziano attraverso corpose donazioni.

Un percorso difficile, febbrile e angoscioso, guidato da una regia funzionale alla rappresentazione dello stato d’animo del protagonista, nei movimenti di macchina e negli interni claustrofobici e angusti e nei paesaggi sempre scarni ed essenziali. Un percorso che è una riflessione filosofica e teologica tutta interiore, una spietata e lucida analisi dell’impotenza dell’uomo nei confronti di coloro che detengono il potere economico e si sono insinuati nella vita di intere comunità, inquinandone la purezza così come inquinano il pianeta privandolo di un futuro. C’è una figura umana in preda allo smarrimento e a una profonda angoscia che tuttavia si muove con sofferenza verso una decisione importante che avrà il fine, necessario, di consentirgli di agire per la salvezza della propria anima e della società in cui vive. La tensione costante, che sfiora la malattia fisica e mentale, nella ricerca di una via di salvezza come unico impulso necessario.

Un percorso difficile, febbrile e angoscioso, guidato da una regia funzionale alla rappresentazione dello stato d’animo del protagonista, nei movimenti di macchina e negli interni claustrofobici e angusti e nei paesaggi sempre scarni ed essenziali.

Imperdibile.

di Francesco Gregorio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo