Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

La favorita Recensione


La favorita Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Che cos’è una provocazione. La storia di un gruppo di soldati americani grezzissimi che ha in mente di far saltare in aria Hitler in un teatro, e ci riesce anche.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Il dramma di un adorabile vecchietto che, quando la sua amata compagna si ammala, preferisce ucciderla piuttosto che vederla morire priva di senno. Una vicenda che ha per protagonista la figlia di un criminale, brutalizzata da una piccola comunità di brave persone. Provocazione è prendere qualcosa a cui siamo affezionati, a un’idea che non metteremmo mai in discussione e ribaltarla, screditarla. Generare una crisi nel nostro senso della morale, spingere al limite la percezione che abbiamo del consentito, del corretto. La provocazione nell’arte, nel cinema ha sempre uno scopo. Se resta relegata all’estetica, al sadismo, a qualche etichetta che un autore si è attaccato o che gli hanno affibbiato… allora non è provocazione. È marketing, al massimo, o un modo furbo per mascherare la mancanza di idee.

La presentazione a Venezia 75 de La favorita ha portato con sé una scia di applausi scroscianti e ringraziamenti a Yorgos Lanthimos per aver saputo così bene, con dissacrante ironia (?), ritrarre la politica di corte, l’intrigo al femminile.

Impossibile è convincersi che La favorita sia un film che racconta il potere attraverso le donne: piuttosto, racconta il punto di vista – pure un po’ misogino – su come le donne esercitano e conquistano il potere.

Ma il racconto della lotta senza riserve tra due favorite per l’affetto della regina Anna - interpretata da Olivia Colman, attrice immensa, prossima Elisabetta II nella serie tv The Crown - viene messo in scena come un'operetta (che non si capisce mai fino a che punto ironica e fino a che punto drammatica, manca di coraggio e di strumenti in entrambe le direzioni), intenzionata a raccontare le donne attraverso i loro peggiori difetti. Anzi, attraverso quelli che nel sentire comune sono i peggiori difetti: isteria, tendenza naturale alla menzogna, dipendenza sentimentale, sindrome di Stoccolma.

Le due favorite del film (Emma Stone e Rachel Weisz) guerreggiano a suon di occhi languidi, trabocchetti elementari, schiaffoni, avvelenamenti (ma dai) e seduzione carnale: e la La favorita diventa presto un racconto morboso, voyeristico, strisciante.

Possiamo sorvolare sul fallimento della satira al potere; anche se, va detto, non c’è satira nel ritratto della fragile regina Anna (su cui, per altro, la biografa ufficiale nel Regno Unito ha avuto qualcosa da ridire) ma un affresco grottesco della Regina e di chiunque le fosse attorno. Riusciamo anche a sopportare gli insistenti fish-eye e tutti i possibili effetti “buco della serratura”, a tollerare le numerose insensatezze di sceneggiatura (il siparietto di Sarah nel bordello).

Ma è impossibile convincersi che La favorita sia un film che racconta il potere attraverso le donne: esprime, piuttosto, un punto di vista – pure un po’ misogino – su come le donne esercitano e conquistano il potere. Luoghi comuni sono messi in scena visivamente (è Sarah quella che, letteralmente, indossa i pantaloni; e ovviamente le due favorite quando battibeccano lo fanno imbracciando fucili) e nei dialoghi, piuttosto elementari.

Sicuramente qualcuno dirà che lo scopo de La favorita è la provocazione, che se il film fa arrabbiare allora ha compiuto la sua missione. E non c’è niente di male a fare film su donne brutte e cattive (Che fine ha fatto Baby Jane?, Monster), a patto che i personaggi siano sempre essere rispettati... soprattutto gli anti-eroi. Prima di inneggiare a Lars Von Trier o Michael Haneke, forse sarebbe meglio osservare come questi due autori raccontano le donne e gli uomini nelle loro storie: come esseri spudorati, crudeli, guidati da sentimenti potenti e devastanti. Si può dire lo stesso delle tre protagoniste de La favorita?

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo