Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Voglio mangiare il tuo pancreas è spiazzante tanto quanto il suo titolo: a sentirlo, ci si prepara a uno splatter. E invece il regista Shin'ichirô Ushijima propone un dramma adolescenziale che vira verso il romanticismo.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

L'espressione che dà il titolo al film fa riferimento a una leggenda secondo cui si può guarire un organo vitale mangiando l’analogo della persona amata: ed è quello che vorrebbe fare Haruki per salvare la sua giovane amica Sakura, ragazza gravemente malata; quando i due passeranno alcuni giorni insieme, verranno fuori sentimenti assopiti che rafforzeranno i rispettivi concetti d’amore e amicizia prima del drammatico e ineluttabile evento. Un cartone animato per adulti, un Anime di quelli che conquistano anche gli occidentali. Ushijima si ispira al pluripremiato bestseller giapponese di Yuru Sumino Let me eat your pancreas, in cui si affronta l’amore e l’amicizia giovanile con uno sguardo al dramma e all’imprevedibilità della morte.

Un film inesorabilmente crudo ed emozionante, capace di toccare le corde giuste conservando un’adeguata delicatezza: sia per il contesto etico e morale entro cui ci si muove, sia per la raffinatezza dei disegni animati che contraddistinguono la narrazione e la natura dei protagonisti. Restando in tema di natura, c’è un forte rimando a piante e animali come nelle leggende più profonde: basti pensare che i nomi scelti per i protagonisti non sono affatto casuali; Sakura vuol dire «ciliegio» e Haruki «primaverile», entrambi sono il prodotto di un’unione orchestrata che guarda alla complementarietà degli elementi (equivalenti alla fine e l’inizio vitale) che paiono incrociarsi esclusivamente per qualche momento. La figura del ciliegio è preponderante in Oriente: simboleggia, in maniera equipotente, la caduta e la rinascita. L’operazione di Ushijima rielabora uno dei più grandi misteri della vita in chiave anime, esaltando linguaggi moderni e profondi, per riflettere su questioni eterne e vincolanti come il fine vita.

L’operazione di Ushijima rielabora uno dei più grandi misteri della vita in chiave anime, esaltando linguaggi moderni e profondi, per riflettere su questioni eterne e vincolanti come il fine vita.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo