Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Unico film italiano in concorso alla Berlinale La paranza dei bambini è l’ultimo lavoro di Claudio Giovannesi, regista di Fiore, ma anche di Alì ha gli occhi azzurri, La Casa sulle nuvole e di alcuni episodi di Gomorra - La Serie. Nonché di molti e bellissimi documentari.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

La precisazione non è un caso, perché il suo percorso è lungo e coerente: nel cinema Claudio Giovannesi si è ricavato il suo spazio con forza, partendo dai documentari (mai abbandonati del tutto) e ha imposto il suo punto di vista in maniera sicura, senza incertezze, con una chiarezza encomiabile. La paranza dei bambini, prodotta da Palomar con Vision Distribution, è stata sceneggiato da Roberto Saviano e dallo stesso Giovannesi insieme a Maurizio Braucci. Il cast è stato formato scegliendo attori non professionisti provenienti dal rione Sanità, per portare sullo schermo volti autentici e in armonia con gli eventi narrati: i giovani Francesco Di Napoli, Artem Tkachuk, Alfredo Turitto, Ciro Vecchione, Ciro Pellecchia, Viviana Aprea, Mattia Piano Del Balzo. Questi quindicenni dai soprannomi innocui – Maraja, Pesce Moscio, Dentino, Lollipop, Drone – sono adolescenti che non hanno un domani e nemmeno ci credono. La paranza dei bambini narra la loro storia: la controversa ascesa di una paranza – un gruppo di fuoco legato alla Camorra – e del suo capo, il giovane Nicolas Fiorillo. Appollaiati sui tetti della città, imparano a sparare mirando alle parabole e alle antenne, poi scendono per le strade a seminare il terrore in sella ai loro scooter. A poco a poco ottengono il controllo dei quartieri, sottraendoli alle paranze avversarie, stringendo alleanze con vecchi boss in declino.

L'accoglienza del pubblico di Berlino è stata calorosa.

Napoli diventa un non luogo perché la città stessa è lo sguardo di questi ragazzi che tengono testa a dei boss navigati, con tutta la spensieratezza e la sregolatezza della loro età.

Non era semplice girare l’ennesimo film sulla Camorra senza mettere il pubblico nella condizione di assistere a un banale déjà-vu. Eppure gli elementi c’erano tutti: i quartieri di Napoli, la società criminale, Saviano e il suo immaginario collettivo. C’è Gomorra - La serie, di cui lo stesso Giovannesi ha girato due episodi. Ma soprattutto c’è quel libro dal quale il film è tratto, che ci porta per metonimia a pensare a una storia spin off di Gomorra, perché questi bellissimi ragazzi raccontati tra le pagine ricordano tantissimo i protagonisti della serie.
Invece La paranza dei bambini spiazza proprio il lavoro intelligente fatto sul materiale narrativo.

Sottraendo il più possibile e riducendo al minimo necessario i tópoi narrativi di un certo cinema di genere, Claudio Giovannesi dimostra di aver realizzato un film di formazione assolutamente personale, diverso dalla rappresentazione del "gangsterismo" a cui siamo abituati. Ma forse - paradossalmente - è il film più pop della sua filmografia. Cercando una propria interpretazione, mette in scena gli effetti devastanti del vuoto, concentrandosi su tutto ciò che ai piccoli protagonisti è stato negato, senza rinunciare però a un’estetica dei sentimenti. Un film di formazione senza un formatore, senza educazione, in cui i protagonisti bastano a se stessi perché hanno il mondo in tasca: sono la generazione dei tutorial su Youtube, del 3D, di chi risolve i problemi digitando sul telefonino. Sono la generazione che oscilla tra digitale e rappresentazione, più che tra reale e finzione.

Senza rinunciare a scene più patinate, il vero cuore della film sta semplicemente nel percorso di appropriazione di un ruolo del suo protagonista: è spavalda dimostrazione di capacità di sopravvivenza, è arrogante individuazione di un succedaneo all’assenza (di un padre, di mezzi, di un dio, della scuola, poco importa). Questo punto di vista è la vera rivoluzione della pellicola.

Con la macchina da presa sempre addosso ai protagonisti, Claudio Giovannesi ci porta in una dimensione, che non è spazio temporale, ma è una condizione. Non ci interessa l’epoca, il posto. Napoli diventa un non luogo perché la città stessa è lo sguardo di questi ragazzi che tengono testa a dei boss navigati, con tutta la spensieratezza e la sregolatezza della loro età. No, di più: di chi non ha niente da perdere. Napoli, da particolare, si fa generale: diventa una regola, un modo di vivere universale a determinate condizioni, un’equazione mortale alla quale è impossibile sottrarsi.

Il lavoro fatto da questa grande macchina è commovente: tra il casting (Chiara Polizzi ha visto oltre 4000 ragazzi), la fotografia (splendida, di Daniele Ciprì), il montaggio (la bravura di Giuseppe Trepiccione), la bellissima e struggente ricostruzione degli ambienti dello scenografo Daniele Frabetti. La regia mostra tutto lo sforzo e il coraggio di prendere un materiale narrativo difficile e di dirigersi in direzione ostinata e contraria verso qualcosa di profondamente intimo e personale. Grazie a una fotografia che ci costringe a un silenzio religioso, entriamo in un posto segreto in cui si assottiglia la forbice tra reale e finzione. Con lo sguardo insanguinato ma spensierato, la macchina da presa ci porta a imbracciare le armi a cuor leggero. Con le mani sporche di sangue e il cuore così bianco, li guardiamo inermi e impotenti costruirsi la loro possibilità.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
560 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo