Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Velvet Buzzsaw Recensione


Velvet Buzzsaw Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

C’è un sottile filo rosso che unisce Velvet Buzzsaw e Lo Sciacallo - Nightcrawler, pellicola del 2014 diretta da Dan Gilroy e interpretata da un formidabile Jake Gyllenhaal: i film condividono sia il regista che l’attore protagonista (anche Rene Russo compare in entrambi), ma ciò che più accomuna le due opere è una visione dell’arte distorta, manipolata e soprattutto manipolatrice, anche se in declinazioni e musure differenti. Se ne Lo Sciacallo - Nightcrawler, Gyllenhaal interpretava un fotografo senza scrupoli (e soprattutto senza peli sullo stomaco), in Velvet Buzzsaw incarna un’altra faccia della medesima medaglia: un cinico e temutissimo critico d’arte, che con le sue parole può decretare il successo o addirittura spingere al suicidio un artista.

Il film si apre proprio così, con la presentazione del personaggio di Morf Vandewalt in tutta la sua spietatezza, calato nel contesto che più gli si addice: l’inaugurazione di una mostra d’arte, dove fa lo squalo in un acquario.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

In questa scena (di sicuro una delle migliori del film) ci vengono presentati una serie di personaggi che, presumiamo, abbiano un ruolo fondamentale nello sviluppo della storia; ma così non sarà. L’avvio della vicenda è il ritrovamento di un gran quantitativo di tele dipinte da un ormai defunto sconosciuto. Quadri ammalianti e inquietanti, che sembrano essere maledetti in quanto chiunque ne entri in possesso muore.

Negli anni molti horror hanno usato l’arte come tema o mondo in cui far svolgere la loro storia. Dall’ultimo The Devil's Candy a La sindrome di Stendhal di Dario Argento (in un paio di sequenze citato abbastanza esplicitamente da Gilroy), ma anche singole scene incentrate su inquietanti dipinti, come il quadro di Modigliani in It di Andy Muschietti o quello della suora in The Conjuring - Il caso Enfield. Persino E tu vivrai nel terrore - L'Aldilà di Lucio Fulci inizia con la crocifissione di un pittore, ritenuto responsabile di invocare il Diavolo nelle sue opere.

L’originalità di Velvet Buzzsaw sta nell’ambientare la vicenda nello spietato mondo del commercio di arte della Los Angeles contemporanea. Infatti, tutta la prima parte del film, quella in cui Dan Gilroy ci introduce a questa realtà facendoci conoscere personaggi uno più viscido dell’altro, è sicuramente anche quella più godibile e riuscita. Un ritratto spietato, una fredda satira che si mette perfettamente in scia alle aspettative (molto alte) che aveva creato con il precedente Lo Sciacallo - Nightcrawler.

Insomma, tutto fa ben sperare per i successivi 90 minuti di visione e, invece, quando i quadri vengono ritrovati e la componente horror – perché ricordiamo che il film è classificato come horror vietato ai 14, scelta inspiegabile dato che le scene “forti” sono pressoché assenti – inizia a serpeggiare, tutto va in cenere.

Una gran occasione sprecata, con un incipit e dei personaggi frizzanti e originali che si perdono in una narrazione confusa, poco coraggiosa e diretta con il pilota automatico.

Di orrorrifico c’è poco o nulla e soprattutto le scene di suspance non riescono mai a raggiungere un livello di tensione quantomeno decente.

Perciò il film scorre piatto, placido e inesorabile verso la propria (prevedibile) conclusione, e per ogni scena in cui Jake Gyllenhaal risolleva il morale con la sua recitazione sopra le righe, c’è n’è una con John Malkovich ormai ridotto a macchietta di se stesso. Anche mettendo da parte le altissime aspettative e facendo finta di non aver mai visto Lo Sciacallo - Nightcrawler, Velvet Buzzsaw resta comunque una gran occasione sprecata, con un incipit e dei personaggi frizzanti e originali che si perdono in una narrazione confusa, poco coraggiosa e diretta con il pilota automatico.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo